Prrocesso Bagnoli, 6 condanne ma cade il reato di disastro ambientale doloso.

0
142

Si è concluso con sei condanne, a pene varianti dai 4 ai 2 anni di reclusione, il processo per la mancata bonifica dell’area di Bagnoli e dell’area dell’ex Italsider. La sentenza è stata emessa dalla sesta sezione del Tribunale di Napoli che ha disposto anche la revoca del sequestro dell’area.

I principali reati contestati sono di disastro ambientale e truffa. I giudici del Tribunale di Napoli che hanno emesso la sentenza per la mancata bonifica dell’area di Bagnoli hanno derubricato l’accusa di disastro ambientale doloso in quella meno grave di disastro colposo.

Il Tribunale di Napoli ha condannato a 4 anni Gianfranco Caligiuri, ex direttore tecnico di Bagnolifutura, a 3 anni Sabatino Santangelo, ex presidente di Bagnolifutura ed ex vice sindaco di Napoli, ed Alfonso Di Nardo, dirigente Arpac, a 2 anni Gianfranco Mascazzini, ex direttore generale del ministero dell’Ambiente, Mario Hubler, ex direttore generale della società Bagnolifutura e Giuseppe Pulli, del dipartimento Ambiente del Comune di Napoli. (ANSA)

LASCIA UN COMMENTO