City Insurance vince ricorso contro Ivass al Consiglio di Stato.

0
233

Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso presentato da City Insurance, compagnia leader del mercato rumeno. Con la sentenza dell’11.04.2018 il Consiglio di Stato annulla definitivamente il divieto ad assumere nuovi affari sul mercato italiano, in base al provvedimento Ivass del 2 luglio 2012 (decisione successivamente confermata il 28 febbraio 2014).

Vanno così a cadere tutte le tesi che avrebbero voluto coinvolgere la Compagnia in vicende che nulla hanno a che vedere con l’industria assicurativa, dove City Insurance è leader di mercato in Romania.

Dopo la decisione di Ivass di bloccarne l’attività in Italia, City Insurance ha conosciuto un periodo di grandi cambiamenti che hanno portato a un corposo rafforzamento finanziario, attestato dalla stessa Autorità di Vigilanza Finanziaria rumena (ASF), con provvedimento del 26 giugno 2017 nel quale sanciva la solvibilità della Compagnia che oggi risponde pienamente agli standard di efficienza patrimoniale richiesti da Solvency II.

Durante il lungo periodo di stop, City Insurance ha continuato a gestire sia la parte “run off” sia quella “claims” del portafoglio italiano, attraverso i propri loss adjuster. Un’attività che ha consentito di liquidare alcune decine di milioni di euro ai propri assicurati.

Nonostante la vicenda italiana, la Compagnia ha continuato il suo percorso di crescita. Oggi è presente in molti mercati dell’Est Europa e in Grecia; può contare su una squadra di oltre 350 dipendenti e ha chiuso il 2017 con ricavi complessivi di circa 350 milioni di euro, una media di circa 15 mila contratti stipulati al giorno e il più veloce processo di gestione e liquidazione dei sinistri del mercato rumeno.

City Insurance ringrazia le Authority di tutti i Paesi nei quali opera e ha operato, per la collaborazione e cooperazione ricevuta in questa fase delicata.

Anche alla luce dell’importante pronuncia del Consiglio di Stato, City Insurance ha riesaminato le linee guida del proprio piano strategico. Se da un lato continuerà la gestione delle clausole “claims” dei contratti del portafoglio italiano, la Compagnia punta a rafforzare ulteriormente il proprio ruolo di punto di riferimento degli italiani che operano in Romania, dove le più grosse aziende costruttrici italiane presenti sono clienti di City Insurance che, grazie al portafoglio altamente specialistico, sta suscitando il forte interesse di fondi e gruppi internazionali interessati a entrare nel mercato rumeno tramite acquisizioni mirate.

LASCIA UN COMMENTO