La Magia del Presepe Vivente dei bambini della Scuola Primaria Istituto Comprensivo Plinio il Vecchio-Gramsci, incanta genitori e tutti i visitatori del territorio.

0
518

Ormai è diventato un appuntamento fisso, che ogni anno si arricchisce di nuovi particolari che rendono la rappresentazione più coinvolgente. È il presepe vivente organizzato nei Campi Flegrei, precisamente a Via Cuma, Bacoli, dalla scuola primaria dell’Istituto Plinio il VecchioGramsci, arrivata alla III edizione. Tanti i bambini coinvolti nella rappresentazione curata nei minimi particolari dalle maestre che per l’occasione hanno anche loro indossato degli abiti rappresentativi del presepe napoletano del 700. I bambini, impegnati in varie attività, hanno riprodotto le ambientazioni e gli abbigliamenti tipici del periodo, grazie a delle botteghe allestite con delle canne di fiume, paglia e del fogliame secco. C’ era l’osteria con la damigiana di vino, la pescheria con pesci e molluschi al banco, il fornaio con dei bambini che lavoravano il pane ed altri che preparavano la pizza, la bottega delle arti e ricamo, il fruttivendolo ed infine la caratteristica capanna di paglia con la Madonna, San Giuseppe ed il bue e l’asinello di cartone e gli elegantissimi Re Magi. Un percorso scenografico e interattivo tra luci, musica e balli, lungo il quale gli alunni si sono cimentati nei mestieri e nelle arti di un tempo, una rappresentazione che aveva il suo fulcro nella scena centrale della Natività.

La riuscita dell’evento – ha spiegato una delle organizzatrici, la maestra Nunzia Di Meo – è il frutto della proficua collaborazione fra docenti e genitori che si sono prodigati tutti insieme dal giorno prima, affinché tutto fosse curato nei minimi particolari e naturalmente per molti una sorpresa. E’ stata un’esperienza significativa per tutti i bambini che in modo pratico e gioioso hanno preso coscienza del significato profondo della nascita di Gesù-

Le Maestre ogni anno fanno da tramite circa il  periodo storico di cui si è stati spettatori o protagonisti, una rappresentazione positiva che viene tramandata agli studenti e quindi alle future generazioni. E’ stato un impegno collettivo ricco di sorpresa anche da parte del Preside, il quale non era assolutamente a conoscenza dell’ evento organizzato di nascosto nel grande refettorio dell’Istituto

L’iniziativa è nata da una sinergia, solidarietà, passione, creatività e forza di braccia che ha unito insieme molte persone del territorio Flegreo. Ciascuna famiglia dei bambini ha donato il tempo al Presepe e si è ritrovata per l’occasione a condividere il tempo del presepe, quello necessario per costruire le scene, realizzare i costumi e  provare tutti i percorsi ed anche l’opportunità di scambiarsi gli auguri per le sante  feste.

LASCIA UN COMMENTO