Presentato il Festival del Cinema di Castel Volturno.

0
203

Questa mattina, presso il cinema Hart di via Crispi, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione di “Castel Volturno città di cinema”.

Organizzato dalla TitaniaTeatro, da un’idea di Vincenzo Ammaliato, che insieme a Carlo Croccolo, Daniela Cenciotti e Gianni Simioli, ne ha curato la direzione artistica, questo primo Festival del Cinema della città di Castel Volturno, avrà il suo start il giorno 10 dicembre e, fino al 13 dicembre, vedrà alternarsi numerosi ospiti, tra cui: Edoardo De Angelis, regista; Amedeo Letizia, produttore; Stefano Amatucci, regista; Guido Lombardi, regista; Giacomo Rizzo, attore; Corrado Taranto, attore; Cosimo Alberti; attore Massimiliano Rossi, attore e Pina Turco, attrice. Tante sono le iniziative che si susseguiranno in questi intensi quattro giorni dedicati al mondo del cinema e che, per l’occasione, vedranno coinvolto tutto il territorio.

programma festival del cinema di castel volturno 2

Alla presentazione dell’evento, unitamente ai componenti del comitato artistico del Festival, sono intervenuti: Nicola Guarino regista cinematografico e televisivo, curatore del premio ss7qArt; Anastasia Petrella, assessora del comune di Castel Volturno e Antonio Luise, in rappresentanza degli imprenditori che hanno contribuito alla realizzazione del progetto.

“Il cinema ha raccontato l’ultimo mezzo secolo della storia della costa Domiziana, seguendo, e accompagnando i suoi eterogenei cambiamenti. Peraltro, mettendo tutti i film di Castel Volturno uno dietro l’altro, dai musicarelli degli anni ’60 e ’70 di Fizzarorri, alle favole nere del 2018 di Garrone e De Angelis, non solo si ha la cifra pressappoco estratta di quello che è successo nel centro alla foce del fiume Volturno, ma la storia dell’ultimo mezzo secolo d’Italia. Perché il cinema ha raccontato Castel Volturno, e la Domiziana attraverso il suo cinema ha raccontato l’Italia”.(Vincenzo Ammaliato)

“Ho fatto cinema per quasi 75 anni. Dovunque. Ma ci sono luoghi che mi ricordo di più. Luoghi che mi sono rimasti nel cuore. Non ho mai girato a Castel Volturno, ma ho scelto di viverci e di metterci le radici. Questo è il momento giusto perché il mio paese prenda coscienza delle possibilità reciproche che l’industria del cinema può dare. Il momento anche di aprirsi al mondo attraverso la visione dei corti che sono la vera opportunità di prendere contatto con la parte più vera della creazione cinematografica”. (Carlo Croccolo)

“La sala buia il pubblico in attesa, all’improvviso la magia. Inizia la storia, noi siamo lì che per due ore piangiamo, ridiamo e ci emozioniamo. Poi arriva la parola fine e tutti noi ci alziamo e andando via ci portiamo addosso le emozioni appena provate. Ma la pellicola continua a scorrere con una serie di nomi legati a mestieri strani. Sono quelli i nomi che hanno contributo a farci emozionare in quelle due ore. A Castel Volturno accade da 50 anni. Degli uomini hanno deciso di usare quei luoghi per raccontare storie. La forza di questo progetto è tutta qui: raccontare i mestieri del cinema a dei ragazzi che hanno la fortuna di vivere in un posto dove il cinema si fa, nella speranza che possano cogliere la possibilità di scoprire nuovi mestieri”.(Daniela Cenciotti)

“Il Sindaco Dimitri Russo e il comune di Castel Volturno tutto, sono lieti di patrocinare iniziative culturali e artistiche volte alla valorizzazione di un territorio ricco di risorse paesaggistiche, strutturali e imprenditoriali. L’impegno profuso dagli organizzatori, ma anche dai numerosi sostenitori di questo Festival è ammirevole; siamo certi che questa kermesse cinematografica possa portare lustro ad una località, troppo spesso balzata agli onori della cronaca per avvenimenti spiacevoli, attirando così l’attenzione dei cinefili di tutta Italia e diventando un appuntamento annuale fisso”.(Anastasia Petrella – Ass. comune Castel Volturno)

LASCIA UN COMMENTO