Arera, 85 milioni per reti idriche Napoli e Cilento.

0
121

L’autorità Autorità Nazionale di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (Arera) ha dato il via libera a finanziamenti per oltre 85 milioni di euro alla Campania nell’ambito del piano nazionale per gli interventi necessari e urgenti per il settore delle reti idriche. I finanziamenti, apprende l’ANSA, prevedono quattro fondi distinti per Abc, la scietà pubblica che gestisce la rete di Napoli: 47 milioni per “interventi di messa in sicurezza degli adduttori costituenti l’Acquedotto del Serino” e 10 milioni per il “rifacimento rivestimento interno delle vasche dei serbatoi cittadini”, 14,4 milioni per la realizzazione del serbatoio di Capodichino e 6,2 milioni di euro per la realizzazione del serbatoio dei Camaldoli. Gli altri fondi stanziati sono di 750.000 euro per “l’adduzione a gravità del serbatoio di San Sebastiano”.

Tutti questi interventi sono per l’ambito distrettuale di Napoli. La delibera dell’Arera prevede anche 6.974.000 euro per “interventi di ristrutturazione e potenziamento del sistema di adduzione idrica dell’Area del Cilento per l’Acquedotto del Faraone e per il potenziamento dell’adduzione dell’area del Monte Stella”. (ANSA).

La deliberazione del’Arera “è un risultato importante che arrirva a fronte di un grosso sforzo progettuale”. Lo afferma l’assessore all’acqua pubblica e Coordinatore del Distretto Idrico di Napoli, Carmine Piscopo, commentando i finanziamenti ottenuti da parte dell’Arera (Autorità Nazionale di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) per il miglioramento delle strutture idriche di Napoli.

“L’Arera – ha detto Piscopo – ha accolto le proposte ricevute e formalizzato il proprio impegno a finanziare interventi necessari ed urgenti per il settore idrico nazionale. All’ambito distrettuale di Napoli saranno finanziati interventi per circa 80 milioni. Tra le opere finanziate, si segnalano il rifacimento e la messa in sicurezza di strutture idriche gestite dall’Abc, il rifacimento delle vasche cittadine e la realizzazione dei serbatoi di Capodichino e dei Camaldoli”.

“Oggi – ha aggiunto Piscopo – si è formalizzato un importante risultato frutto di un attento lavoro avviato negli scorsi mesi e che risulta di grande importanza per la riqualificazione degli impianti idrici che saranno riqualificati a Napoli e in Campania. Siamo soddisfatti del lavoro svolto e delle sinergie istituzionali che sono maturate durante tutto il percorso”.(ANSA).

LASCIA UN COMMENTO