Coisp, bilancio positivo del 2017.

0
366

A poche ore dallo svolgimento del VII Congresso provinciale del Sindacato Indipendente  di Polizia Coisp che si tenne nel mese di marzo 2017, Giulio Catuogno, Segretario Generale provinciale uscente, diede le dimissioni unitamente a molti dirigenti sindacali della sua corrente politica sindacale, affermando in un comunicato stampa di aver verificato la carenza di democrazia all’interno della struttura partenopea ed il mancato rispetto delle regole statutarie. A distanza di nove mesi, come logica conseguenza al democratico svolgimento dei vari congressi, il Coisp napoletano ha aumentato il numero degli iscritti.

Giuseppe Raimondi,  Segretario Generale Provinciale di Napoli del Coisp ha dichiarato: “Sono stati da poco diffusi i dati relativi agli iscritti provinciali dei sindacati di Polizia maggiormente rappresentativi, tra i quali naturalmente il Coisp, che ha visto crescere il numero dei poliziotti partenopei nonostante il congresso sia è tenuto appena la scorsa primavera. Queste sono soddisfazioni professionali, sono queste le cose che danno la forza di profondere sempre maggiori energie nell’attività sindacale. Lo scorso marzo, a poche ore dall’inizio del congresso provinciale del Coisp partenopeo, il segretario generale provinciale uscente, signor Giulio Catuogno, unitamente a numerosi dirigenti provinciali e regionali, diede le dimissioni, affermando poi con un comunicato stampa di averlo fatto dopo aver verificato la carenza di democrazia all’interno della struttura partenopea nonché il mancato rispetto delle regole statutarie. Da quel giorno tutti noi ci siamo impegnati affinché fossero raggiunti gli odierni risultatati. Da pochi giorni – continua Raimondi – ci sono pervenuti i dati ufficiali relativi alla rappresentatività per l’anno in corso e molto fieramente posso affermare che non solo il Coisp partenopeo ha mantenuto i numeri dell’anno precedente, ma li ha incrementati nonostante la fuori uscita di numerosi dirigenti e le dichiarazioni forti di Catuogno.  Le nuove strategie sindacali improntate sostanzialmente al dialogo costruttivo con l’Amministrazione, fermo restando le reciproche prerogative, stanno trovando positivo riscontro tra le donne e gli uomini della Polizia di Stato partenopea che hanno voluto così premiarci per la differenza rispetto al passato . In alcuni uffici quali polizia ferroviaria , reparto prevenzione crimine, polizia di frontiera o commissariati cittadini tipo Bagnoli o di provincia come Acerra – conclude il leader provinciale del Coisp – abbiamo raddoppiato se non triplicato il numero degli iscritti. In altri uffici comunque la tendenza è quella di crescere . Il mio ringraziamento va pertanto a tutti i poliziotti che ci hanno voluto premiare apprezzandone il lavoro svolto, ma soprattutto ai miei più stretti collaboratori nonché ai dirigenti sezionali per il grandissimo lavoro che stanno facendo e che viene apprezzato anche da parte dell’Amministrazione”.

LASCIA UN COMMENTO