El Panadero, dal 27 al 30 novembre al Theatre de Poche.

0
84

locandinaEL PANADERO di Dario Tamiazzo|Ettore Nigro|Marco Aspride

con Dario Tamiazzo

regia Ettore Nigro

scene Armando Alovisi

al THEATRE DE POCHE (via Salvatore Tommasi 15)

dal 27 al 30 novembre 2014

da giovedì a sabato ore 21|domenica ore 18

Nasce a Buenos Aires, attraversa l’oceano e arriva a Napoli. Lo spettacolo “El Panadero” nasce dall’intuizione dell’attore Dario Tamiazzo – che inizia ad indagare sul mondo dei fornai porteños e sull’utilizzazione della pasta madre, lievito naturale che si tramanda di generazione in generazione nelle famiglie dei fornai – e raggiunge la sua forma definitiva a Napoli con Ettore Nigro che firma la regia.

È la storia di Sante, un ragazzo che vuole diventare fornaio perché ha un sogno: fare il pane per tutti. E così lotta per mantenere viva la pasta madre (’o criscito, come lo chiamano i napoletani) che ha ereditato dal nonno fornaio. Parte alla volta di Buenos Aires dove inizia a lavorare in un panificio lotta insieme ai compagni per salvaguardare la naturalezza del pane e distribuirlo a tutti, segnando in tal modo la storia politica e gastronomica dell’Argentina.

“El panadero” è un inno alla resistenza alimentare, contro l’industrializzazione selvaggia dei processi alimentari che porta alla perdita delle tradizioni gastronomiche, contro la manipolazione dei cibi e dell’essere umano.

Legambiente e Coldiretti hanno scelto “El Panadero” come spettacolo rappresentativo del biocidio e salvaguardia della produzione del pane.

Una produzione Teatro Maurei e Teen Thèâtre

Info biglietti www.theatredepoche.it | 081 549 09 28

Dario Tamiazzo

Nato a Piove di Sacco (Padova) nel 1982, si forma come attore nell’Accademia d’arte drammatica Silvio D’Amico di Roma dove si diploma nel 2006. Partecipa a seminari di specializzazione sulla Commedia dell’Arte con Michele Monetta e Andrey Leparski; nel 2008 si trasferisce in Argentina dove approfondisce per tre anni il lavoro sul training teatrale con Guillermo Angelelli; sempre con Angelelli inizia l’esplorazione del clown, tecnica che studia anche con Dario Levin e Raquel Sokolovich.
Come attore di teatro partecipa a vari spettacoli in Argentina: Un Panadero e Sobrevivientes Clowns diretti da Cecilia Settembrino, Dos Hermanos diretto da Gianluca Barbadori; in Italia ha partecipato a Le Momarie diretto da Gabris Ferraris, Da Marionetta a Marionetta regia di Ettore Nigro e Una specie d’amore regia di Lorenzo Salveti. Nel 2007 partecipa al film Brideshead revisited del regista Julian Jarrold, nel 2010 gira la fiction Terra ribelle della regista Cinzia Torrini, nel 2010 è protagonista dello spot Tequila José Cuervo-Tren per la televisione messicana e gira lo spot Tyc Sport per la televisione argentina
Alla fine del 2010 partecipa alla fondazione del Teatro de Integración Latinoamericana (T.I.L.) con il quale inizia una lunga tournée attraverso la Bolivia, il Perú, l’Ecuador, la Colombia e il Venezuela, presentando La Rumba Varieté ePoderis Pudrendum Clouno.

Nel 2013 crea il Teatro Maurei con il quale ripropone El Panadero e comincia Anarcorvo: lo studio sul comportamento della maschera in una situazione quotidiana.

Nel 2004 riceve a Roma il Premio Nazionale delle Arti come attore con il monologo Hamletmachine di Heiner Müller.

Dal 2008 al 2011 lavora come pedagogo teatrale nella Fundacion P.U.P.I. con i ragazzi di Villa Diamante di Buenos Aires e nel collegio italiano Cristoforo Colombo sempre di Bs.As.
Dal 2011 dirige laboratori di clown, commedia dell’arte e training in diverse università e teatri, tra cui: Universidad de las Artes ASAB (Bogotá, Colombia), teatro Kairos (Cartagena, Colombia), Compañía Nacional de circo (Caracas, Venezuela) e la Red de Teatro (Isola Margarita, Venezuela), Centro Cult. Wachuma (La Paz, Bolivia), Scuola di teatro La Avogaria (Venezia).

 

Ettore Nigro

Nasce a Napoli nel 1979, si forma come attore nell’Accademia d’arte drammatica Silvio D’Amico di Roma dove si diploma nel 2006. Qui studia con Lorenzo Salveti, Mario Ferrero, Massimiliano Farau, Paolo Terni, Giuseppe Rocca, Daniela Bortignoni, Giancarlo Sepe, Michele Monetta, Roberto Romei, Roberto Mantovani, Giovanni Greco e Francesco Manetti.

Ha perfezionato lo studio attoriale con maestri internazionali come Masaki Iwana, Jos Houben, David Jentgens, Sergeij Tcerckaskij; e nazionali: Paola Tortora, Silvia Calderoni, Dario Giovannini, Domenico Polidoro, Lucio Allocca, Salvatore Cantalupo, Danio Manfredini, Pierpaolo Sepe.

Nel 2007 fonda  il Teen Thèâtre (Rampe Giancarlo Siani, Napoli) e dà inizio al laboratorio teatrale “La bottega dell’attorecon Lucio Allocca e Marco Francini, collabora con la cattedra di Salvatore Michelino presso  l’Accademia di Belle Arti di Napoli.

Nel 2008 inizia la collaborazione con il regista Massimo Maraviglia. Dal 2010 cambia sede e si trasferisce in vico Santa Maria del Pozzo (Napoli), sede del gruppo Asylum, di cui è co-fondatore, dove oggi svolge gran parte del suo lavoro teatrale come insegnante del corso di formazione per la persona/attore.

Ha lavorato con i registi Lorenzo Salveti, Paolo Terni, Massimiliano Farau, Mario Ferrero, Lucio Allocca, Massimo Maraviglia, Orlando Cinque, Raffaele Rizzo, Giancarlo Sepe, Massimo De Matteo, Peppe Miale, Luisa Guarro, Massimiliano Rossi, Vincenzo Maria Lettica, Maricla Boggio, Adriana Carli, Lara Pasquinelli, Fortunato Calvino, Sergio Di Paola, Giuseppe Ferrara.

Ha conseguito il secondo posto nella rassegna “Fuori luogo” con il monologo “Re di picche”.

Ha firmato la regia degli spettacoli “Da Marionetta a marionetta” (di cui firma anche il testo con Carlo Romano), “Scene da sogno” di Shakespeare (firma adattamento) “Riso in bianco” di Čechov, “Le Femmine sapute” di Molière (adattamento M. Maraviglia), “Il barbone a gettoni” di Rosario D’Angelo, “OPS! One Parent Show” (di Alessandro Errico), “El Panadero” di cui firma anche il testo con Dario Tamiazzo e Marco Aspride.

È ideatore del progetto “Teatro sottoscuola” per scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado e svolge incarichi di esperto esterno per i progetti PON presso gli istituti di Napoli e provincia.

LASCIA UN COMMENTO