Esportazioni: + 7% per le regioni dell’ Italia meridionale nel primo semestre 2015.

0
143

exportI dati sulle esportazioni regionali diffusi dall’Istat evidenziano nel secondo trimestre del 2015 una sensibile accelerazione del trend positivo dell’export per le regioni meridionali e insulari (+5,7%) e per quelle centrali (+5%). Più  contenuto appare l’incremento congiunturale per le regioni nord-occidentali (+2,1%), mentre registrano una riduzione delle vendite sui mercati esteri  dell’1,5% le regioni dell’Italia nord – orientale.

Altrettanti segnali positivi si rilevano nel primo semestre del 2015, rispetto allo stesso periodo del 2014, con l’Italia meridionale che registra una crescita più ampia (+7%) rispetto alle altre aree geografiche.

Tra le regioni che esportano maggiormente si segnalano Piemonte (+9,6%), Veneto (+7,3%) e Lazio (+ 14,4%), mentre la Campania si attesta a un + 2,5%.  Al contrario il calo delle vendite all’estero di Sicilia (-8,2%), Marche (- 2,8%) e Molise (- 3,3%) rallenta la crescita dell’export nazionale.

Per quanto riguarda i mercati di sbocco, l’analisi regionale mostra come nel corso dei primi mesi del 2015 la crescita dell’export nazionale sia stata influenzata positivamente dall’incremento delle vendita verso gli Stati Uniti, grazie anche alla forte svalutazione del cambio dell’euro rispetto al dollaro nella prima parte dell’anno, mentre la marcata flessione delle vendite di Lombardia (-26,1%), Emilia-Romagna (-32,4%) e Veneto (-32,2%) verso la Russia  hanno frenato l’espansione dell’export.

I settori  che maggiormente hanno trainato le esportazione sono le vendite all’estero di autoveicoli dal Piemonte (+41,3%), Basilicata (+367,4%) ed Emilia-Romagna (+33,3%) e di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici dal Lazio (+17,2%). Contribuiscono invece a rallentare la crescita del trend positivo  le ampie flessioni delle vendite sui mercati esteri di prodotti petroliferi raffinati dalla Sicilia, di metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti, da Lombardia e Puglia e di macchinari e apparecchi n.c.a. dalla Toscana.

LASCIA UN COMMENTO