Fiera Agricola, inaugurazione giovedì 24. Evento su apicoltura il 25.

0
124

fiera_agricolaa__378_gallery_evento_prs1Giovedì 24 Aprile, alle ore 11:30, sarà inaugurata la decima edizione di Fiera Agricola, che si terrà fino al 27 Aprile nel polo fieristico A1 Expo (uscita autostradale A1 Capua – Caserta).
Con il presidente del polo fieristico, Antimo Caturano, saranno presenti, tra gli altri, l’assessore all’Agricoltura della Regione Campania, Daniela Nugnes; il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi; il sindaco di Pastorano, Giovanni Diana; il presidente e il direttore del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana, Domenico Raimondo e Antonio Lucisano; il presidente dell’ANASB, Francesco D’Ausilio; il direttore dell’ARAC, Maurizio De Renzis e il presidente della CIA Guido Coppola.

Il primo evento della giornata inaugurale sarà il convegno “Ritorniamo alla terra – centralità del tecnico agrario, opportunità in agricoltura”, alle ore 10:00 .

Alle ore 12:30, invece, il Consorzio di tutela della mozzarella di bufala campana DOP parlerà di latte certificato al packaging ecosostenibile.

Locandina Regione CampaniaSempre giovedì, alle ore 16:00, l’Assessorato all’Agricoltura della Regione Campania curerà il convegno sulle “innovazioni per il comparto bufalino nell’ambito della Misura 124 del PSR Campania” , attivata per promuovere iniziative finalizzate a sviluppare la competitività del settore agricolo, a migliorare gli standard qualitativi dei prodotti, le performance ambientali e la sicurezza sul lavoro delle imprese agricole attraverso il collaudo, l’adozione e la diffusione di innovazioni tecnologiche, di processo, di prodotto e organizzative nella fase precompetiviva.

 

 

 

 

LOCANDINA MASTER PATROCINIODurante la manifestazione, presso l’Area della Seconda Università di Napoli – Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale “Luigi Vanvitelli”, sarà presentato il Master Internazionale Interuniversitario “Diaeta Mediterranea”. Il Master è testimonial per il Progetto Scuola/Università di Expo Milano 2015 per la coerenza  con il Tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” che contribuisce all’eredità che Expo 2015 vuole lasciare alle generazioni future .

 

 

Il ruolo dell’apicoltura nel contesto della società moderna. Questo il tema della tavola rotonda “C.A.R.A. Terra: l’ape al servizio della società” che si terrà il prossimo 25 aprile ore 16:00, presso il Polo Fieristico A1Expò di Pastorano (CE) in occasione di Fiera Agricola 2014.

Le api come bio-indicatori dell’inquinamento ambientale, il Consorzio Nazionale Produttori Apistici lancia la sua iniziativa per monitorare il territorio. Questo è invece il cuore del progetto “C.A.R.A. Terra”. Un’iniziativa che sta sviluppandosi attraverso delle “centraline di monitoraggio” poste sui territori di quattro comuni del casertano: Caianello, Galluccio, Marzano Appio e Vairano Patenora, i cui sindaci saranno ospiti della tavola rotonda. “Ribadisco il mio pieno sostegno al progetto C.A.R.A. Terra, – ha dichiarato il sindaco di Caianello Marino Feroceche rappresenta a mio modo di vedere una seria, concreta  ed eccellente soluzione alle problematiche ambientali del nostro territorio”.

Tra partecipanti ricordiamo, in particolare, Emilio Caprio e Gennaro Di Prisco, dell’Università Federico II di Napoli, recenti vincitori del prestigioso Premio Cozzarelli, attribuito dalla National Academy of Sciences degli Stati Uniti ai migliori sei lavori scientifici pubblicati sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences USA. La presenza qualificante di Antonio De Cristofaro, docente di Apicoltura all’Università del Molise, che parlerà di api e monitoraggio ambientale. Interverranno anche: Angelo Lombardi, Presidente Consorzio Nazionale Produttori Apistici (Co.Na.Pro.A.); Mario Ambrosino, Presidente Associazione Interprovinciale Apicoltori Caserta/Napoli; Pietro Andrea Cappella, Coordinatore del GAL Alto Casertano e Giulio Federici, Direttore Coldiretti Caserta; Gennaro Granata, Delegato regionale di Coldiretti Campania Giovani Impresa. Durante il dibattito, che sarà moderato dalla giornalista e presidente dell’Associazione RadiCe, Adele Consola, i partecipanti si confronteranno sulle potenzialità economiche, ambientali, culturali ed occupazionali che l’apicoltura può offrire ai giovani, ed anche ai meno giovani, in un contesto di grandi difficoltà che caratterizzano oggi Terra di Lavoro.

Un parterre particolarmente qualificato che discuterà del perché l’apicoltura, un tempo ingiustamente considerata la cenerentola dell’agricoltura, oggi è addirittura “attività di interesse nazionale” come recita la legge quadro del settore. “La possibilità di creare occupazione con livelli di investimento sostenibili, – ha dichiarato Riccardo Terriaca, direttore del CoNaProA – favorendo la nascita di aziende che contribuiscono alla biodiversità ed al mantenimento degli equilibri ambientali, sono gli elementi che caratterizzano il comparto apistico. Quando si parla di sviluppare l’impresa sostenibile, socialmente responsabile, sembra che si stia descrivendo l’azienda apistica che, oggi come non mai,  rappresenta il modello ideale dell’impresa agricola del futuro”. Gennaro Granata, Delegato regionale di Coldiretti Campania Giovani Impresa, ha invece ricordato: “l’apicoltura è un’attività perfettamente compatibile con le esigenze e gli stili di vita dei giovani di oggi. Un’attività a contatto con la natura, che collabora a fini produttivi con l’ambiente senza sfruttarlo, che lascia anche lo spazio per la vita sociale dell’imprenditore, può rappresentare una valida alternativa alle attività tradizionali”.

Insomma, l’apicoltura, un universo tutto da scoprire che, forse, può dare risposte, semplici ma concrete, utili alla società moderna. Andiamo a scoprirlo il prossimo 25 aprile presso il Polo Fieristico A1Expò di Pastorano.

LASCIA UN COMMENTO