Grande successo per i 10 anni di Beninsieme al Nabilah.

0
261

Grande successo per i 10 anni di Beninsieme, l’evento solidale organizzato dall’associazione DareFuturo Onlus, con  le Associazioni PHP e Col Cuore Disponibile, che si è svolto al Nabilah. L’evento ideato da Roberto Pennisi, Fondatore e Presidente di DareFuturo Onlus ha visto la partecipazione fino a notte inoltrata di un pubblico partecipe e divertito, che ha ballato fino a notte fonda. Il ricavato quest’anno è destinato a due progetti; il primo è quello del  “trasporto a scuola in piroga nella laguna di Ganviè (Benin)” con la donazione di 14 piroghe, di cui 4 a motore, che permetteranno a 1500 studenti di guadagnare ogni giorno almeno due ore di tempo per recarsi a scuola grazie a questo servizio di navette. Il secondo prevede una vacanza studio in Inghilterra per due studenti meritevoli del Rione Sanità di Napoli.

L’evento è stato  condotto da Serena Albano e Simonetta de Chiara Ruffo. Il Premio DareFuturo 2018 è stato attribuito quest’anno ad Andrea Ballabio, il Premio alla Carriera a Claudio Danisi, che è stato il primo fotografo ufficiale di Beninsieme e il Premio all’Amicizia a Serena Albano, prima presentatrice storica dell’evento. Come sempre, è stato realizzato dall’artista Claudia Piscitelli; Madrina della serata è stata Fabiana Sera e i momenti piu’ significativi della serata sono stati  immortalati da Claudio Danisi, Pippo by Capri e  Giancarlo de Luca, quest’anno anche con la partecipazione di Andrea Carlino.

Tanti gli amici che hanno voluto aderire all’iniziativa: si è ballato con lo Show di live-music di Raoul & swing orchestra, e il  DJ set a cura di Aldo & Antonello e Massimo Caserta. Il buffet, ricchissimo con le pizze di Ciro Oliva – Concettina ai tre Santi –  pasta alla Genovese con la cipolla ramata di Montoro di Nicola Barbato, bocconcini di mozzarella di Torre Lupara di Mimmo al Casolare e del caseificio Michelangelo di Piano di Sorrento, i fiocchi di neve di Poppella, i gelati di Mennella, il caffè Kamo di Marizia Rubino, la birra artigianale Kbirr, vino a volontà offerto da Vestini Campagnano, Cantina degli Astroni, Tenuta Cavalier Pepe, Carmine Antropoli, Cominium, Porto di Mola, Fonzone Paternopoli, Piscina Mirabile e  tanta acqua Ferrarelle. Inoltre, 10 sommelier dell’AIS (Associazione Italiana Sommelier) hanno deliziato gli ospiti offrendo e “spiegando” loro le virtù dei vini offerti e per tutti i graziosi gadgets Virgin Active.

 

Grazie alla generosità dei napoletani, in 10 anni sono stati realizzati questi progetti all’Ospedale La Croix dei Padri Camilliani di Zinviè in Benin e a Napoli:

1.Costruzione di un  nuovo padiglione  delle Urgenze con 24 posti letto;

2.Ristrutturazione della foresteria dell’Ospedale;

3.Compartecipazione alla ristrutturazione del reparto di Radiologia, del laboratorio e del reparto operatorio che è stato potenziato e portato da 1 a 3 sale;

4.Circa 600 interventi  chirurgici, la metà dei quali di  chirurgia tiroidea avanzata;

5.E’ stato realizzato il progetto Salvatore Parente – sostegno allo studio di specializzazione in Oncologia del Religioso Camilliano Ghislain Missiho;

Con le  Suore Figlie di San Camillo sempre a Zinviè sono stati realizzati questi ulteriori progetti:

1.Sostegno alla corretta alimentazione di 1450 bambini malnutriti;

2.costruzione in Togo, con inaugurazione  prevista nel 2019,  di un complesso sanitario “in ricordo di Maria e Marina “costituito da dispensario, centro malnutriti gravi, unità neonatale ed alloggio Suore.

Progetti extra Camilliani:

1.Realizzazione di due scuole con l’aiuto del Consolato ed altra onlus;

2.Costruzione di un pozzo;

3.Realizzazione di 14 piroghe per il trasporto scolare dei Giovani alla scuola di So-avà  Ganviè.

Progetti realizzati a Napoli :

1.Laboratorio di cucito presso la parrocchia di Torregaveta;

2.realizzazione dell’aula telematica presso la  parrocchia Sant’ Arcangelo  al Rione Salicelle ad Afragola;

3.Realizzazione oratorio e campi estivi presso la  parrocchia Sacro Cuore  ad Arzano;

4.Realizzazione Biblio-mediateca presso  la Casa dei Cristallini rione Sanità;

5.Vacanze studio di Inglese per due studenti meritevoli rione Sanità.

 Questo il commento commosso di Roberto Pennisi, Presidente di DareFuturo Onlus: “Siamo arrivati alla decima edizione di BENINSIEME che coincide con il decimo anno della creazione della onlus, prima Mosi Cicala, dal 2015 DareFuturo. Sanità ed istruzione sono alla base dei nostri progetti , sono la base per Dare Futuro in ogni realtà del pianeta, ancor di più in quelle in difficoltà.  E così dal 2017 in Benin sosteniamo un Prete Camilliano Medico nello studio della Specializzazione in Oncologia Medica e termineremo entro il 2019 in Togo un Centro Medico comprendente dispensario, centro malnutriti e unità neonatale. Sul versante istruzione, il 31 luglio, durante la diciassettesima Missione all’ Hôpital La Croix, inaugureremo il progetto di Trasporto Scolare per gli Alunni della Comunità di So-Avà Ganviè con la donazione di 14 piroghe, di cui 4 a motore, che permetteranno a 1500 studenti di guadagnare ogni giorno almeno due ore di studio grazie a questo servizio di navette. A Napoli, al rione Sanità  grazie all’importante sinergia  con Ciro Oliva, sta per aprirsi una biblio-mediateca presso la onlus Casa dei Cristallini. Infine, il 14 luglio partiranno da questa Associazione due studenti napoletani meritevoli per un soggiorno di studio della lingua Inglese in Inghilterra.

Gli fa eco il Console del Benin a Napoli, Giuseppe Gambardella: “Anche quest’anno il Consolato del Bénin ha confermato la sua presenza per un’iniziativa dall’alto valore morale, oltre che solidale. In qualità di Console sono orgoglioso per i frutti ambiziosi che DareFuturo Onlus porta a compimento, non solo attraverso le edizioni di Beninsieme, ma anche per le brillanti attività che la realtà associativa offre e garantisce al popolo che ho l’onore e l’onere di rappresentare a Napoli. Di questo infatti vorrei ringraziare il Presidente Roberto Pennisi: non soltanto è un grande medico elargitore della sua scienza attraverso la sua autorevole passione di benefattore, ma soprattutto per il fatto di essere medico volontario in zone in cui la sanità si presenta precaria, creando di conseguenza uno spaccato di estremo disagio e di marginalizzazione di una società dilaniata da carenze ed esigenze di bisogni primari. Lavorando sinergicamente in partnership con le Associazioni, organizzazioni private e cittadini, il Consolato del Bénin a Napoli si impegna a dar man forte al popolo beninese, nell’ attuare un miglioramento della qualità della vita, attraverso gli svariati progetti umanitari”.

Queste le parole di Andrea Ballabio: “E’ per me un grande onore ricevere il Premio DareFuturo 2018. Questo premio rappresenta un importante riconoscimento degli sforzi di tanti ricercatori che, con il loro lavoro presso I’Istituto Telethon di Genetica e Medicina (TIGEM), cercano di “dare un futuro” ai tanti pazienti affetti da malattie genetiche”. Un commosso Claudio Danisi, destinatario del premio alla carriera, così riassume la sua esperienza: “In Benin, luogo meraviglioso in cui ho scattato in 5 anni migliaia e migliaia di fotografie, ho toccato la felicità per aver colto e vissuto quegli attimi per cui vale la pena di vivere.”

I Partners della serata, generosi sostenitori di Beninsieme 2018 sono: Ferrarelle, Capri s.r.l, Kiton e  Autofelice, Widiba, Concettina ai tre Santi, Gb agricola Casa Barbato, Liquori La Sorgente, Gelateria Mennella, Sawadì viaggi – Caserta, Bose Exclusive Experience Store, Caffè Kamo, Pasticceria Poppella, Ricchi stamperia digitale, Bioruma Surgery, Birra artigianale Kbirr, AIS Associazione Italiana Sommerlier,  Antropoli agricola, Tenuta Cavalier Pepe, Azienda vinicola Vestini Campagnano, Cantina degli Astroni, Azienda vitivinicola Cominium, Azienda agricola Piscina Mirabile, Azienda vitivinicola Porto di Mola, Vini Fonzone Paternopoli, Carputo Vini, Agricola casearia Lupara,Il Casolare Alvignano, Caseificio Michelangelo Piano di Sorrento,  Foto Claudio Danisi,  Pippo by Capri, Giancarlo De Luca, Circolo nautico Posillipo, Nabilah Beach Club di Luca ed Antonello Iannuzzi, Virgin Active.

LASCIA UN COMMENTO