Napoli ricorda Eduardo a 30 anni dalla sua scomparsa con un convegno all'Università e tre libri.

0
67

eduardo-de-filippoNel trentennale della scomparsa di Eduardo De Filippo, Napoli ricorda il grande drammaturgo. Il 23 e 24 ottobre si terrà infatti, all’Università Federico II, il convegno internazionale dal titolo ‘Eduardo De Filippo e il teatro del mondo’.

Per onorare Eduardo De Filippo, ricordandolo a trent’anni dalla sua scomparsa, si terrà il 23 (alle 10.15) e 24 ottobre 2014 (alle 9.30) il convegno internazionale “Eduardo De Filippo e il teatro del mondo” nella sede dell’Università Federico II di Napoli (aula Pessina – Corso Umberto I, 40), per iniziativa del Forum Universale delle Culture, dello stesso Ateneo federiciano, del Master in Drammaturgia e Cinematografia e dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha conferito al convegno internazionale “Eduardo De Filippo e il teatro del mondo” una propria medaglia di rappresentanza.

Studiosi e professionisti del mondo teatrale di rilievo internazionale partecipano alle due giornate di studio con una pluralità di contributi che mirano, da angolazioni diverse, a mettere in una nuova luce la continuità della lezione eduardiana nella cultura italiana e internazionale. Il convegno si rivolge a tutti coloro che hanno interesse e passione per teatro, e soprattutto si rivolge ai giovani. Aprirà i lavori Luca De Filippo con Pasquale Sabbatino, organizzatore del convegno; seguiranno poi gli interventi di professori delle Università di Georgetown, Strathclyde, Lugano, Bologna, Cassino, Firenze, Roma, Venezia e Napoli che si alterneranno con attori eduardiani come Mariano Rigillo, registi come Francesco Saponaro, scrittori e giornalisti.

Tre i temi principali che si svilupperanno nelle relazioni: il primo è l’opera di Eduardo come teatro del mondo, ovvero come il suo racconto di Napoli sia il racconto dell’uomo del Novecento e dunque linguaggio universale. Il secondo tema è la traduzione linguistica e culturale del teatro di Eduardo, con una disamina degli aspetti teorici e delle traduzioni di Eduardo nelle diverse lingue. Il terzo tema è centrato sul complesso rapporto di rielaborazione della drammaturgia eduardiana nel teatro di oggi e nella narrativa. Quest’ultimo tema ha motivato anche la realizzazione del libro Scrittori per Eduardo, a cura di Patricia Bianchi, edito dalla ESI, Napoli, con il contributo del Forum Universale delle culture. Il volume, di cui si discuterà nella tavola rotonda del 24 alle 16, raccoglie testi narrativi e teatrali inediti, generati da un’ideale dialogo con l’opera di Eduardo, recepita come classico della contemporaneità; scrivono per Eduardo Peppe Barra, Maricla Boggio, Fortunato Calvino, Vincenzo Caputo, Antonella Cilento, Antonella del Giudice, Angela Di Maso, Paolo Di Paolo, Pino Imperatore, Giovanni Maddaloni, Wanda Marasco, Michela Monferrini, Giuseppe Montesano, Silvio Perrella, Arnolfo Petri, Giuseppe Pompameo, Guido Pugliese, Marcello Sabbatino, Edoardo Sant’Elia, Angela Villa, Nando Vitali. Ma il contributo degli autori contemporanei si estende anche alle relazioni: Maurizio De Giovanni, scrittore di grande successo e popolarità, ha infatti immaginato, nella sua relazione-racconto Il commissario Ricciardi sulle tracce di Eduardo.

Nel corso della tavola rotonda del giorno 23 si discuterà di altri due volumi freschi di stampa: il primo è Gli Scarpetta e i De Filippo: una famiglia di artisti, a cura di Giuseppina Scognamiglio e Pasquale Sabbatino (ESI, Napoli) raccolta di saggi sulla famiglia teatrale forse più famosa in Europa; il secondo libro, Eduardo. Dizionario dei personaggi, a cura di Patricia Bianchi e Nicola De Blasi (Osanna, Venosa) raccoglie la schedatura di tutti i personaggi eduardiani e la sintesi delle commedie, offrendo per la prima volta un repertorio di consultazione e divulgazione.Eduardo e il teatro del mondo porta a conclusione Eduardiana, articolato ciclo di incontri e studi sul drammaturgo e attore napoletano, iniziato dal scorso maggio sotto l’egida del Forum Universale delle Culture e aperto col convegno Eduardo De Filippo tra testo e scena.

«È stato un percorso entusiasmante – commenta il curatore del ciclo Pasquale Sabbatino, coordinatore del Master in Drammaturgia e Cinematografia presso la Università Federico II – che in questo capitolo finale ci porterà a ridisegnare la geografia e la storia delle traduzioni di Eduardo nel mondo, dall’Europa all’America, dall’Africa all’Oriente, aprendo in modo pionieristico il capitolo del dialogo tra il grande teatro italiano e le culture del pianeta. Inoltre documenteremo per la prima volta che dalla scrittura teatrale di Eduardo nascono nuove scritture, narrative, poetiche e teatrali. Il bozzetto di Lello Esposito, con le lettere rosse della forza e della passione di Eduardo sovrapposte ai numerosi colori degli altri scrittori, interpreta la dinamica del classico che diventa contemporaneo, della tradizione che vive nel presente, in un gioco di identità e metamorfosi. Infine focalizzeremo l’impegno civile di Eduardo per il recupero e la rieducazione dei ragazzi a rischio. Un impegno che è per noi tutti un’eredità, di cui dobbiamo farci carico, in una società che è cambiata con l’immigrazione dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo».

Il programma completo.

Saranno presentati anche tre nuovi libri: ‘Gli Scarpetta e i De Filippo: una famiglia di artisti’, (ESI); ‘Eduardo. Dizionario dei personaggi’ (Osanna Edizioni); ‘Scrittori per Eduardo’ (ESI), con testi, tra gli altri, di Peppe Barra e Antonella Cilento

LASCIA UN COMMENTO