“Ogni uomo è un artista”, Artecinema tra Spagna e New York per raccontare il mondo moderno attraverso l’arte.

0
95

“La creatività si può esprimere anche nei piccoli gesti quotidiani. Sta a noi rendere la nostra vita un’opera d’arte”. Così Laura Trisorio ha dato il via alla 23 esima edizione del festival internazionale “Artecinema”. In un teatro San Carlo totalmente esaurito in ogni ordine di posti, la curatrice della manifestazione ha introdotto le prime due opere ospiti e i loro autori.

Lucia Romualdi ha parlato del suo incontro con Francesco De Gregori per la realizzazione del cortometraggio “Soundings 2018”, mentre David Shulman, regista di “Basquiat: rage to riches” ha spiegato i motivi che lo hanno convinto a raccontare da un punto di vista differente dal solito la storia e la figura di Jean-Michael Basquiat.

Prima delle proiezioni ha preso la parola Ennio Cascetta, presidente di Metropolitana Spa, tra gli sponsor della rassegna: “La metropolitana rappresenta una grande opera pubblica, una delle principali in Italia. Tra la Linea 1 e la linea 6 sono esposte 160 opere d’arte di circa 102 artista, un vero e proprio ‘museo obbligatorio’”.

Poi la parola è passata a suoni, gesti e immagini al grido, come ha sottolineato Laura Trisorio citando Joseph Beuys, “Ogni uomo è un artista”.

E degli artisti, del loro animo e del loro lavoro, il Festival tornerà a parlare il 13 ottobre, con la terza giornata di proiezioni. Il programma inizierà durante la mattinata, con un altro importantissimo appuntamento sociale: l’incontro con i detenuti della casa circondariale di Secondigliano.

Nel pomeriggio sarà poi il momento di tornare al teatro Augusteo, per un pomeriggio che guarda al mondo latino, con la monografia su Alfredo Jarr, e il racconto in prima persona dell’artista spagnolo Miguel Barcelò, che ci porterà dietro le quinte delle sue creazioni

Il programma, per la giornata di sabato, è il seguente:
SABATO 13 OTTOBRE

TEATRO AUGUSTEO

16.00

arte e dintorni

JAAR, LAMENT OF THE IMAGES

Paula Rodriguez Sickert, Cile, 2017, 77′, spagnolo, inglese (anteprima italiana)

Alfredo Jaar considera l’arte come “l’ultimo posto in cui regna la libertà” e fa del suo lavoro un atto di resistenza. Il film mostra il processo creativo delle sue opere che affrontano importanti problematiche quali l’immigrazione al confine tra Messico e Stati Uniti, il genocidio in Ruanda, il colpo di stato militare in Cile. Ripercorriamo alcune delle sue principali mostre in Finlandia, a Venezia, a Buenos Aires, a Santiago del Cile e New York accompagnati da una colonna sonora opera di suo figlio Nicolas Jaar, uno dei musicisti più influenti nel mondo dell’elettronica.

 

17.30

arte e dintorni

TERRES BARCELÓ *

Christian Tran, Francia, 2017, 75’, francese (anteprima italiana)

Due grandi mostre dell’artista spagnolo Miquel Barceló, alla Biblioteca Nazionale di Francia e al Museo Picasso di Parigi, ci offrono l’opportunità di approfondire il suo lavoro. Mentre l’artista ci parla di sé, seguiamo passo dopo passo il processo creativo delle sue opere imponenti ed effimere realizzate con la terra in tutte le sue forme.

 

19.10

arte e dintorni

THE TRIUMPHS AND LAMENTS OF WILLIAM KENTRIDGE *

Adam Low, Regno Unito, 2017, 63′, inglese (anteprima europea)

 

Seguiamo l’artista sudafricano William Kentridge a Roma mentre prepara il grande fregio lungo le sponde del Tevere e a Johannesburg, sua città natale e fonte di ispirazione per i magici film di animazione che lui stesso disegna a mano. Cresciuto sotto l’apartheid, Kentridge ha assistito alla transizione verso una democrazia multirazziale e la sua arte riflette la turbolenta storia politica del Sud Africa.

 

20.30

arte e dintorni

MAURIZIO CATTELAN: BE RIGHT BACK

Maura Axelrod, Stati Uniti, 2016, 90′, inglese, sottotitoli in italiano

Questo documentario racconta la carriera dirompente di Maurizio Cattelan intervistando curatori, collezionisti, luminari del mondo dell’arte ed ex fidanzate su ciò che ha reso straordinario questo visionario personaggio. A partire dalla fine degli anni Ottanta e nel corso della sua ventennale produzione Cattelan ha continuato a provocare e ispirare, fino alla sua mostra finale al Guggenheim Museum di New York dove ha sospeso tutte le sue opere al soffitto della rotonda del museo.

 

 

Tutti i film saranno proiettati in lingua originale con traduzione simultanea in cuffia.

L’ingresso alle proiezioni è gratuito.

Il programma completo della manifestazione è disponibile sul sito www.artecinema.com.

 

 

orari

12 – 13 – 14 ottobre ore 16.00 – 23.30 – Teatro Augusteo – Piazzetta Duca d’Aosta, 263

ingresso gratuito

LASCIA UN COMMENTO