Stragi di Parigi, Papa Francesco sgomento. Alfano alza il livello di sicurezza. Renzi: l’Europa reagirà alla barbarie, è il momento di restare uniti. Mattarella: esterrefatto dall’orrore.

0
109
epa05024063 People are evacuated by bus outside the scene of an attack at the Bataclan theatre in Paris, France, 13 November 2015. At least 149 people have been killed in a series of attacks in Paris on 13 November, according to French officials. EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON

Papa Francesco ha accolto con sgomento le notizie sugli attacchi terroristici a Parigi. Lo afferma a Radio Vaticana padre Federico Lombardi, spiegando che si sta seguendo con “costernazione queste terribili notizie. Siamo sconvolti da questa nuova manifestazione di folle violenza terroristica. Si tratta di un attacco alla pace di tutta l’ umanità”.

“Insieme al Papa e a tutte le persone che amano la pace”, preghiamo “per le vittime e i feriti e per l’intero popolo francese”, ha detto padre Federico Lombardi spiegando che quanto è avvenuto a Parigi richiede una reazione “decisa e solidale da parte di tutti noi per contrastare il dilagare dell’odio omicida in tutte le sue forme”.

Sono al momento due gli italiani feriti lievemente e fuori pericolo negli attacchi di ieri notte a Parigi. Lo riferisce la Farnesina, aggiungendo che si sta lavorando su alcune segnalazioni finora raccolte che necessitano opportune verifiche.

Parigi: innalzati livelli di sicurezza in ItaliaAllerta su tutto il territorio nazionale, con particolare attenzione su Roma e Milano, misure di sicurezza innalzate ai massimi livelli, contatti costanti con le autorità francesi e i servizi d’intelligence alleati per condividere le informazioni sull’attacco: gli attentati di Parigi hanno fatto scattare immediatamente anche in Italia i piani di sicurezza previsti in caso di allarme rosso. “L’antiterrorismo – ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano – è in costante contatto con i colleghi francesi per seguire con estrema attenzione ciò che accade in Francia, anche allo scopo di disporre ulteriori interventi preventivi”.

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi sta seguendo la situazione a palazzo Chigi. “L’Italia – dice il premier – piange le vittime di Parigi e si unisce al dolore dei fratelli francesi. L’Europa colpita al cuore saprà reagire alla barbarie”.

“Hanno colpito, ma colpendo la Francia hanno colpito l’umanità intera”. Lo afferma il premier Matteo Renzi in merito agli attentati di Parigi e offrendo la “solidarietà commossa e l’abbraccio degli italiani” ai “fratelli e le sorelle” francesi. “Chiedo a tutte le forze politiche di avere il massimo della responsabilità. Questo è il tempo in cui bisogna stare uniti. Nel pomeriggio incontrero’ i capigruppo di tutte le forze politiche, anche quelle di opposizione”, ha detto ancora il premier.

Sullo stesso tenore le parole del Capo dello stato Sergio Mattarella: “L’orrore che sta sconvolgendo la capitale francese e tutto il paese lascia esterrefatti e sgomenti”.

Questa mattina al Viminale, alle 9.30, Alfano ha convocato il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica che sarà presieduto dal premier Renzi: la riunione, alla quale parteciperanno i vertici delle forze di polizia e dei servizi di sicurezza, servirà a fare una prima analisi di quanto accaduto a Parigi e a predisporre le misure necessarie per cercare di ridurre al minimo i rischi per il nostro paese.

Innalzate le misure di sicurezza in Italia subito dopo i fatti di Parigi.I vertici delle forze dell’ ordine hanno immediatamente deciso di rafforzare i controlli e il monitoraggio delle aree considerate più a rischio. In particolare, è stato disposto un rafforzamento delle misure di sicurezza sugli obiettivi riconducibili alla Francia a Roma e Milano. “L’antiterrorismo – assicura Alfano – è in costante contatto con i colleghi francesi anche allo scopo di disporre ulteriori interventi preventivi”.

LASCIA UN COMMENTO