Torna Malazè, il Festival Archeoenogastronomico dei Campi Flegrei, da lunedì 17 a martedì 25 a Pozzuoli, Bacoli, Monte di Procida, Quarto, Procida e Napoli.

0
259

Mancano pochissimi giorni all’inizio della XIII edizione di Malazè, l’evento archeoenogastronomico dei Campi Flegrei ed è già iniziata la corsa per la partecipazione agli eventi, alcuni dei quali a numero limitato.

Malazè è il festival ArcheoEnoGastronomico dei Campi Flegrei che coinvolge i comuni di Pozzuoli, Bacoli, Monte di Procida, Quarto, Procida e Napoli, mettendo in rete circa settanta associazioni e imprese. Molteplici iniziative in programma, all’interno di un viaggio ricco di itinerari tematici archeoenogastronomici (Mito, Storie, Gusto, Natura e Archeologia) disseminati all’interno di tre hub culturali (Castello di Baia, Cratere degli Astroni e Rione Terra) e sull’intero territorio flegreo. Un affascinante percorso per scoprire luoghi dalle tradizioni antichissime; si pensi soltanto alla coltivazione della vite che qui avviene ancora a piede franco.

Questo grande contenitore di eventi, ideato da Rosario Mattera, è finalizzato alla promozione del patrimonio enologico e gastronomico locale, delle bellezze e delle proposte turistico-culturali di un’area della provincia di Napoli ancora poco nota al pubblico nazionale e internazionale, ma dall’incommensurabile patrimonio artistico, archeologico e ambientale. Anche il titolo del festival è fortemente radicato al territorio, il “malazzè” (magazzino-magazzeno) infatti, fino alla metà del secolo scorso, identificava quei locali a piano terra del borgo marinaro di Pozzuoli che venivano usati dai pescatori per ricoverare le loro barche e gli attrezzi per la pesca.

Malazè negli anni è diventato un laboratorio diffuso di innovazione territoriale, dove si sperimentano e prendono forma nuovi percorsi di sviluppo a base creativa e culturale che combinano la tutela e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali con il food, il sociale, le tecnologie digitali, il design e il fare impresa. Una dimensione in cui si coniugano sviluppo, identità e sostenibilità.

Di seguito gli eventi dell’area tematica “Gusto”, con iniziative dedicate alla tradizione e all’innovazione ma con tanta solidarietà.

Il programma completo

Si parte lunedì 17 settembre con un omaggio a san Gennaro. Alle ore 19 nel Chiostro del Santuario di Pozzuoli verrà presentata la “La pizza del miracolo di San Gennaro” a cura di 10 Pizzeria di Diego Vitagliano. L’evento si ispira al Miracolo di San Gennaro mettendo in relazione il miracolo dello scioglimento del suo sangue con la storica pizza napoletana più conosciuta al mondo: la margherita. Ticket di partecipazione: euro 10 interamente in beneficenza per la mensa dei Poveri del Santuario di San Gennaro di Pozzuoli. Info: 081.18581919

 

Martedì 18 (ore 20) alla Locanda del testardo a Baia, Bacoli, “Cena al buio alla riscoperta dei 4 sensi”. Esperienza enogastronomica da vivere in una magica atmosfera che esalterà gli “altri sensi”. Una parte degli ospiti potranno vivere l’esperienza del buio totale, accomodandosi nella sala “Cisterna” – opportunamente oscurata – dove il servizio verrà effettuato da camerieri non vedenti. Coloro che vorranno vivere un’esperienza meno estrema ma non meno intensa, si accomoderanno nella “Corte” all’aperto e ceneranno ugualmente al buio, indossando delle mascherine che copriranno gli occhi. L’evento si aprirà con lo Show Cooking di Antonio Ciotola – lo chef non vedente di origine flegrea “con gli occhi nelle mani” proprietario del Ristorante La Taverna degli Archi (Belvedere Ostrense, Ancona) – , affiancato dallo chef resident Alessandro Moraca. I due chef dopo il momento iniziale proseguiranno nella preparazione della cena a quattro mani. L’Evento è organizzato in collaborazione con L’Unione Italiana Ciechi di Napoli a cui verrà destinato parte del ricavato. Ticket di partecipazione: euro 50. Info: tel. 0818687701

Giovedì 20 (ore 18), evento “Ave – La Devozione, tra Religione e Ritualità Territoriali”, all’Agriturismo Don Salvatore di Cappella, Monte di Procida. Con Ristorante Fefè, “Lo Zio Pazzo” e Cantine Matilde Zasso. Ore 18: preparazione tradizionale delle conserve di pomodoro cannellino flegreo in passata e a “pacchetelle” con aperitivo e “assaggio devozionale”. Ore 20: cena “Ave”. Ticket di partecipazione: euro 35. Info: 081.5231452

Sempre giovedì 20, alle ore 20, “Tripudio al mare flegreo” a Pozzuoli, presso AlmaEventi in via Miliscola con Angelo Carannante (Ristorante Caracol) e Ciro Russo (Alma Eventi). Ticket di partecipazione: euro 50 bevande incluse. Info: 081.19853695

Venerdì 21 (ore 18), alla Maison Toledo, in via Pendio San Giuseppe, Pozzuoli: “Il Tempo della Falanghina, tredici anni nel bicchiere” con l’Associazione Italiana Sommelier Napoli e Consorzio di Tutela Vini dei Campi Flegrei, Ischia e Capri. Degustazione orizzontale dell’annata 2005 della Falanghina dei Campi Flegrei. Un’occasione di riflessione e confronto per fare il punto sulle potenzialità evolutive di un grande bianco della Campania, ricco di sapidità e carica minerale. Degustazione a cura di Tommaso Luongo, Franco De Luca e Ciro Verde. Posti limitati e ad esaurimento. Partecipazione gratuita. Info: 3356790897

Sempre venerdì 21 (ore 20), all’Azienda Agrituristica Montespina di Pozzuoli, “Suoni Di…Vini – Concerto in Vigna di gong e strumenti ancestrali” con Antonella Notturno. Contatto con la natura i sapori enogastronomici nella terra flegrea, precisamente nel cuore dei Campi Flegrei, adiacente il Vulcano Solfatara, l’azienda offre un bagno di suono sotto le stelle, con gong planetari, sinfonici, nepalesi, campane tibetane ed altri strumenti ancestrali. Ticket di partecipazione euro 20. Info: 081.5206719 – 3405258835

Lunedì 24 (ore 19) all’Osteria Abraxas dello Scalandrone a Pozzuoli, “Novelle Artigiane… Fatte con le Nostre Mani!”. Vincenzo Moretti sociologo incontra gli artigiani del gusto campano Nando Salemme ristoratore, Manuel Lombardi contadino 2.0, Raffaele Moccia viticoltore eroico e Giacomo Buonanno Antica Macelleria Buonanno. Ingresso libero. Segue aperitivo e cena con ticket di partecipazione: euro 40. Info: 081.8549347

Sempre lunedì 24 (ore 21 al) Fusaro, Bacoli, c’è “Inversione di marcia” al ristorante Kuma 65. Cena degustazione con inversione del personale e cucina: gli ospiti saranno serviti dai cuochi e a cucinare saranno i camerieri. Ticket di partecipazione: euro 30. Info: 081.8543204

Martedì 25 c’è l’evento conclusivo della XIII edizione di Malazè: “Semplicemente Malazè, serata flegrea per la Bottega dei Semplici Pensieri”, nella residenza storica di Villa Avellino, Pozzuoli. Cocktail di benvenuto con l’Apecar Street Bar della Bottega, intervengono Luca Rossi con “racconti, ballate e serenate a ritmo di tamburi”. Food de: Il Poggio, Concettina ai Tre Santi, Fratelli Caponi, Unio-Cucina-Bar, Il Casolare di Alvignano, Ittocheria, La Bifora. Pasticceria di Casa Infante e Di Costanzo. Vini del Consorzio Tutela Vini dei Campi Flegrei, Ischia e Capri. Caffè in Macchine Faber. Ticket euro 25. Info: 334.6538553 – 366.7045465.

 

Malazè si svolgerà tra il 15 e il 25 settembre. Per conoscere il programma completo e dettagliato: www.malaze.it Si consiglia di prenotare ogni singolo evento e di leggere il programma online.

Malazè è un evento organizzato dall’Associazione Campi Flegrei a Tavola.

Patrocini: Comune di Pozzuoli, Comune di Monte di Procida, Comune di Quarto, Parco Archeologico dei Campi Flegrei. In collaborazione con: Slow Food Campania, Slow Food Campi Flegrei, Slow Food Costiera Sorrentina e Capri, Oasi del Wwf – Riserva Naturale Statale Cratere degli Astroni, Ais Napoli, Consorzio per la Tutela Vini dei Campi Flegrei, Ischia e Capri, CreActivitas – Creative Economy Lab, Aeroporto Internazionale di Capodichino, Fondazione Pietà de’ Turchini, Adi Delegazione Campania, Impresapesca Coldiretti, Pro Loco Città di Bacoli, Pro Loco Monte di Procida.

 

 

LASCIA UN COMMENTO