Un Evento atteso: la “Pizza è Donna” con Paola Cappuccio e Roberta Esposito, all’ Eataly Ostiense di Roma.

0
1152

a cura della dott.ssa Patrizia Zinno

Ingredienti semplici, Acqua, sala, farina, lievito, pomodoro, fior di latte, parmigiano e basilico e come condimento amore e passione, per una ricetta che è Patrimonio dell’Unesco, la vera Pizza Napoletana. E subito ci viene in mente l’immagine della bellissima e procace Sofia Loren in versione pizzaiola e popolana del quartiere di Napoli, nel secondo Dopoguerra, alle prese con impasti, fritture nel celebre episodio del film di De Sica, L’Oro di Napoli. Il film ci svela un’importante verità: a fare le pizze fritte nei vicoli di Napoli a quei tempi erano soprattutto le donne.

L’ universo donna comincia a farsi valere  nel mercato della Ristorazione e della Pizza, un lavoro bello ma anche difficile e faticoso, ma senza la passione e creatività,  non si và da nessuna parte. Le donne Pizzaiole oltre alle doti imprenditoriali sono anche giovani e molto brave, ed hanno alle spalle esperienze che hanno arricchito le loro conoscenze nel settore. Si parte dalla selezione delle materie prime per assicurare sempre la qualità del prodotto finale ed ecco la “Pizza è Donna” con due bravissime Pizzaiole Campane, solari, brave e determinate, Paola Cappuccio e Roberta Esposito.  Molte persone restano di sasso quando scoprono che in un locale a fare le pizze sono donne, ma quando vanno via sono sempre pronte a regalare tantissimi complimenti, soprattutto per la qualità del loro impasto.                                                              Paola Cappuccio viene da Portici, la Regina della Pizzeria “ Pizza Verace”. Pizzaiola a tutto tondo, cura lei impasti e lievitazione, stesura delle palline , condimento ed infornate con una scansione millimetrica della giornata. E’ una vera artista creativa dell’arte bianca ed ha scoperto il fascino della Pizza nella sua complessità e completezza.  La sua voglia di scoprire e imparare sempre di più l’hanno portata a sperimentare nuove farine ed a cercare nuove tecniche per migliorare giorno dopo giorno e preparare un impasto soffice, gustoso, digeribile, ma soprattutto salutare, perché la vera Pizza dovrebbe essere un alimento completo e nutriente, non un mattone sullo stomaco.  Utilizza farine italiane provenienti da agricoltura integrata, biodinamica,  e biologica. Usa la  zero ma soprattutto la tipo 1 ( Petra 3) la integrale ( petra 9) che contiene tutto il chicco di grano macinato compreso il pericarpo esterno.                                                        Roberta Esposito, Pizzaiola della  “ Contrada” il migliore Ristorante- Pizzeria ad Aversa, due spicchi Gambero rosso. Anche lei appassionata della Pizza napoletana e tutta la sua storia professionale parte da questo concetto, la ricerca, l’attenzione agli ingredienti, la giusta farina, la conoscenza del territorio e la sperimentazione. Tutto per creare una Pizza d’autore fatta secondo i giusti criteri di maturazione e lievitazione, oltre all’uso appropriato delle farine, per dare vita ad un impasto ben idratato, un prodotto finale digeribilissimo e dal sapore ricercato. Due donne, due realtà sempre emozionanti da scoprire, persone semplici e genuine,  felici di quello che fanno e che hanno la stessa autentica passione. La pizza è Donna è un mondo che sta cominciando a uscire allo scoperto in maniera potente.

Lunedi 14 Maggio all’ Eataly Ostiense di Roma, la “Pizza è Donna” con Paola Cappuccio e Roberta Esposito, due Eccellenze Rosa dell’Arte Bianca, al Ristorante della Pasta e della Pizza, presenteranno le loro prestigiose creature, delle autentiche Pizze Gourmet, in occasione della settimana della PIZZA che si terrà fino al 20 Maggio con  tantissimi eventi ancora sempre dedicati  al piatto italiano più amato nel mondo.

Le Pizza di Roberta saranno: la Margherita, la Norma, La scarola in crosta, e Fiori di zucca.

Le Pizze di Paola saranno: Cacio e pepe, Nerano, Marinata, Terra e mare

LASCIA UN COMMENTO