Vertici BCE e Pmi, Napoli presidiata da duemila agenti. Corteo, possibili disagi per zona ospedaliera. I manifestanti invitano i commercianti a non abbassare le serrande.

0
69

capodimonteNapoli è presidiata da circa duemila uomini delle forze dell’ordine in vista del vertice della Bce in programma domani nella Reggia di Capodimonte e per l’Assemblea delle Piccole e Medie Imprese organizzato dalla Commissione Ue nella stazione marittima della città. Lo si apprende dalla Questura di Napoli.

A dare il loro apporto per la gestione dell’ordine pubblico e della viabilità, che domani potrebbero essere messi a dura prova, saranno Polizia di Stato, Carabinieri, Polizia Municipale e Guardia di Finanza. Alcuni reparti sono giunti anche da altre città.

Qualche centinaio di uomini, invece, sarà impegnato nelle attività di presidio degli ingressi del bosco di Capodimonte (all’interno del quale si trova la reggia, location del vertice Bce) e parecchie decine seguiranno invece il corteo, collocandosi sia in testa che in coda ai manifestanti. Per la prima volta in occasione di un evento internazionale, gli uomini dei reparti mobili saranno dotati delle telecamere sulle divise che, però, potranno essere attivate solo se il dirigente incaricato della gestione dell’ordine pubblico lo riterrà opportuno. (ANSA).

Potrebbe causare enormi difficoltà a chi deve raggiungere la zona ospedaliera di Napoli, il corteo “Block Bce” che partirà domani mattina da via Saverio Gatto in direzione della rotonda di via Miano, nei pressi del bosco di Capodimonte, nella cui reggia è previsto il vertice della Banca Centrale Europea con i 18 governatori dell’Eurozona, i componenti del Board e il presidente della Bce Mario Draghi.

Un ampio tratto di strada, quello lungo il quale si snoderà il corteo, lungo 3,6 chilometri, sarà praticamente inaccessibile (da via S.Gatto alla rotonda via Miano).

Nella zona circostante il punto di partenza ci sono numerosi ospedali (Azienda Ospedaliera Università Federico II, l’ospedale Cotugno, il Policlinico, gli ospedali Pascale e Mondaldi e l’azienda ospedaliera Cardarelli) che risulteranno praticamente inaccessibili sia per gli operatori che per gli utenti. Sicuramente inaccessibile sarà, per tutta la durata della manifestazione, il Centro Traumatologico Ortopedico che si trova proprio sul tratto interessato dal corteo.

L’istituto per i tumori Pascale ha invitato i dipendenti che devono prendere servizio domattina, in coincidenza con la partenza del corteo, (soprattutto gli amministrativi) ad anticipare l’ingresso per evitare disagi.

Stessa decisione anche da parte della direzione sanitaria dell’Azienda dei Colli, che riunisce Cotugno, Mondaldi e Cto: “Ci saranno sicuramente disagi per gli operatori ma, soprattutto per i pazienti che con i loro problemi di salute non meritano ulteriori difficoltà”, ha detto il direttore sanitario Nicola Silvestri. “Per prevenire eventuali atti vandalici – ha poi concluso Silvestri – abbiamo rafforzato la vigilanza del Cto che si trova lungo il percorso del corteo”.

“Speriamo che i disagi per medici, infermieri e il personale tutto, oltre che, ovviamente per gli utenti, siano pochi e di breve durata. Dal canto nostro abbiamo chiesto alla Polizia Municipale di agevolare, laddove possibile, l’ingresso dei nostri dipendenti alla struttura”, ha detto il direttore sanitario di presidio Franco Paradiso. (ANSA).

I Movimenti campani che domani scenderanno in strada insieme a precari, studenti, disoccupati si rivolgono ai residenti e ai commercianti delle zone di Napoli – Colli Aminei e Capodimonte – interessate dal corteo che si svolgerà, domani, contro il vertice della Bce.

“Abbiamo sentito di negozi che pensano di chiudere per paura non si sa di cosa, dell’avvento di non si sa quale catastrofe – scrivono – in piazza ci saranno migliaia di napoletani che come voi subiscono la crisi”.

Vertice Bce:corteo in partenza, da attivisti 'no violenza'Al corteo contro il vertice della Bce che si svolgerà stamattina a Napoli c’è anche la protesta ucraina. Un gruppo di donne espone la bandiera rovesciata del loro Paese macchiata di sangue. “Siamo qui per esprimere la nostra solidarietà a chi lotta contro le banche mondiali – spiega Olena, da 14 anni a Napoli – le banche mondiali sostengono la guerra. La gente deve capire che in Ucraina è ormai tutto rovesciato, come la bandiera che esponiamo noi oggi”. Tra gli slogan esposti anche ‘America hands off of Ucraina’ e foto che ricordano la strage di Odessa. (ANSA)

LASCIA UN COMMENTO