Autonomia, la Campania presenta la sua proposta. Fumata nera al vertice di maggioranza.

0
191
Veduta di Palazzo Chigi durante il vertice sul tema dei migranti, Roma 10 luglio 2019. ANSA/GIUSEPPE LAMI
Babazar.it le grandi marche abbigliamento donna con il 60% di sconto

E’ stata inviata ieri al ministro degli Affari Regionali e delle Autonomie Erika Stefani, e per conoscenza al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il documento della proposta d’intesa sull’autonomia differenziata della Regione Campania. E’ quanto si legge in una nota.

“Abbiamo chiesto al ministro – ha detto il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca – di firmare quanto prima possibile questa ipotesi di accordo. E’ una proposta che esplicita la linea della Campania sull’autonomia differenziata: rigore amministrativo; riforme concrete che semplificano e non complicano i processi di riforma; sburocratizzazione. Da oggi, alle tre regioni del Nord, si aggiunge la Campania come Regione che ha formalizzato la proposta d’intesa”. “Di particolare rilievo la posizione della Campania relativa a spesa storica, scuola, sanità, livelli essenziali di prestazione, fondo perequativo. Totale accettazione della sfida dell’efficienza. Difesa rigorosa dell’Unità nazionale”, conclude.

È terminato con uno strappo il tavolo a Palazzo Chigi sull’Autonomia. “Inutile sedersi a un tavolo che non funziona, con persone che il giorno prima chiudono accordi e poi cambiano idea e fanno l’opposto”, sottolineano fonti leghiste. “Invece di andare avanti si torna indietro. I 5 Stelle condannano il Sud all’arretratezza”, aggiungono le stesse fonti.
“Al vertice – replicano fonti del Movimento Cinque Stelle – la Lega ha proposto di inserire le gabbie salariali, ovvero alzare gli stipendi al Nord e abbassarli al Centro-Sud. Per il M5S è totalmente inaccettabile”.

Il premier Giuseppe Conte, a quanto si apprende, durante la riunione, per abbassare i toni, avrebbe detto che si va avanti sull’autonomia, ma stando attenti a salvaguardare l’unità del Paese e la Costituzione.

“Siamo davanti a una farsa, un’autentica farsa. Sono stanco di vedere come alcuni vogliono portare l’autonomia verso l’agonia. Sappiano però che, finché ci sarò io, l’autonomia non sarà morta né, tanto meno, le istanze dei veneti”. Così il presidente del Veneto, Luca Zaia, sull’esito negativo del vertice sull’autonomia a Roma.
“E’ scandaloso – osserva – che si continui a prendere in giro i cittadini, non solo i veneti ma anche quelli delle 12 Regioni che hanno avviato passi in direzione dell’autonomia, e che si voglia rieditare il conflitto tra nord e sud”. “E’ scandaloso – dice – che ci siano persone a livello governativo incapaci persino di mantenere la parola data. Chiedo formalmente ai grillini di presentare subito agli italiani la loro proposta di autonomia. Visto che si sprecano quotidianamente nel commentare la nostra – rileva – diamo per scontato che di autonomia sanno tutto, e quindi presentino immediatamente la loro proposta”.

LASCIA UN COMMENTO