Il Premio Pilmentel Fonseca consegnato a Caroline Muscat per Daphne Caruana Galizia.

0
278

La forza della parola contro corruzione e violenza. E stata dedicata a Daphne Caruana Galizia, la giornalista maltese assassinata per aver voluto raccontare la verità, la quarta edizione del Premio Pimentel Fonseca. Il prestigioso riconoscimento è stato consegnato alla giornalista maltese Caroline Muscat. Vincitrice del premio honoris causa: la giornalista spagnola Olga Rodríguez.

Daphne Caruana Galizia aveva seguito linchiesta internazionale sui MaltaFiles, diventando così una figura di riferimento del giornalismo investigativo internazionale. Era stata la prima a diffondere la notizia del coinvolgimento nei Panama Papers di membri del governo maltese e nelle sue inchieste aveva anche lanciato ombre su Michelle Muscat, moglie del primo ministro, accusata di essere la beneficiaria di una società con sede a Panama che muoveva ingenti quantità di denaro su conti bancari in Azerbaigian. Ripetutamente minacciata di morte, Dafne Caruana Galizia veniva fatta saltare in aria nella sua auto il 16 ottobre 2017, pochi minuti dopo aver aggiornato, per lultima volta, il suo blog personale.

La grande cronista maltese è stata ricordata in occasione della consegna del premio che si è tenuto martedì, 18 settembre, al Pan | Palazzo delle Arti di Napoli. Dedicata alla memoria della patriota e giacobina Eleonora Pimentel Fonseca, fondatrice del giornale Monitore Napoletano, la premiazione anche questanno è stata preceduta dalla deposizione di una corona di fiori per onorare e ricordare tutti i martiri della rivoluzione napoletana del 1799, i cui resti sono seppelliti nella Basilica del Carmine. La manifestazione, prologo del Festival Internazionale di Giornalismo Civile Imbavagliati, diretto ed ideato da Désirée Klain, è fortemente voluta e promossa dellAssessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e dallIstituto Italiano per gli Studi Filosofici, è realizzata e prodotta dallassociazione culturale Periferie del mondo Periferia immaginaria.

Il segretario del SUGC, Claudio Silvestri, ha consegnato il premio Caroline Muscat giornalista investigativa e attivista maltese che oggi, insieme ad altri colleghi, prosegue le inchieste di Daphne sul portale theshiftnews.com. “Ringrazio Caroline per quello che fa per il proprio Paese e per tutti noi – ha detto Silvestri – Ringrazio Caroline perché ha scelto di essere una giornalista. La libertà di stampa non è un valore scontato, in nessuna civiltà del mondo. Dobbiamo conquistarcela ogni giorno, dalle periferie della nostra città a quelle dei Paesi oppressi dalle dittature. Non deve essere una battaglia solo di noi giornalisti, non è una difesa della professione. Dobbiamo impegnarci tutti, ne va della nostra democrazia”.

LASCIA UN COMMENTO