Fiabe di Primavera all’Orto Botanico, primo appuntamento sabato 17.

0
141

‘Fiabe di Primavera’ all’Orto Botanico di Napoli, per adulti e bambini all’avventurosa scoperta di luoghi magici e storie senza tempo: riprendono, sabato 17 marzo e fino a domenica 10 giugno (tutti i giorni, escluse le festività nazionali), nel giardino napoletano di via Foria, i percorsi teatrali proposti dall’Associazione I Teatrini e dall’Università Federico II e realizzati per La Scena Sensibile in collaborazione con la Regione Campania ed il Comune.

Quattro i titoli selezionati tra i capolavori della letteratura universale per l’infanzia e la gioventù nei singolari allestimenti itineranti tra poesia, teatro, scienza e natura.

In questa nuova stagione, 80 giorni di spettacolo per oltre 130 repliche, l’autrice e regista Giovanna Facciolo, mette in scena alcuni tra i titoli di maggior successo fin qui prodotti, a partire da ‘Il popolo del bosco’ (il primo ed il più longevo, giunto al 22 ciclo di repliche) con Monica Costigliola, Renata Wrobel, Alessandro Esposito (maschere, figure e costumi di Bruno e Rosellina Leone) in una nuova edizione attesa al debutto sabato 17 marzo (ore 11, repliche fino a domenica 25 marzo).

La rassegna propone ancora gli spettacoli ‘L’albero del sole’ da Andersen (da sabato 7 a domenica 29 aprile), ‘Le favole della saggezza’ da Esopo, Fedro e La Fontaine (da sabato 5 a sabato 26 maggio) e ‘Nello specchio di Biancaneve’, dai Fratelli Grimm (in prima assoluta, da sabato 12 maggio a domenica 10 giugno).

“Negli anni – sottolineano Giovanna Facciolo e Luigi Marsano, rispettivamente direttori artistico ed organizzativo de I Teatrini – abbiamo costruito una programmazione stabile dedicata all’Orto Botanico di Napoli, uno dei monumenti più singolari e preziosi di Napoli. Ogni spettacolo è stato realizzato pensando a questo luogo come ad uno dei principali protagonisti del nostro lavoro, ed ancor più immaginandone un ruolo attivo che potesse porlo in relazione immediata con le decine di migliaia di piccoli spettatori che fin qui hanno preso parte alle nostre attività”.(ANSA)

LASCIA UN COMMENTO