Universiadi, presentazione degli eventi culturali a corredo mercoledì 22. Winners Italia realizzerà le medaglie. Aspettative di podio dal taekwondo.

0
106
Babazar.it le grandi marche abbigliamento donna con il 60% di sconto

Mercoledì 22 alle ore 11.30, presso la Sala “Francesco de Sanctis” di Palazzo Santa Lucia, a Napoli, il Presidente Vincenzo De Luca presenta il programma culturale realizzato dalla Regione Campania per l’Universiade Napoli 2019.

Intervengono il Commissario straordinario dell’Agenzia Regionale Universiadi, Gianluca Basile e l’assessore alla Cultura del Comune di Napoli, Nino Daniele.

La Winners Italia srl è la società che si è aggiudicata la gara per la realizzazione e fornitura delle medaglie per la premiazione degli atleti e di tutte le altre medaglie celebrative della XXX Universiade Napoli 2019. In totale saranno 222 le medaglie in palio nelle 18 discipline sportive che i circa 8mila atleti si contenderanno nella manifestazione di luglio.

Il totale delle medaglie assegnate nella storia delle Universiadi, dalla prima edizione del 1959, è di 13.217. Capofila per numero di successi collezionati ai Giochi universitari sono gli Stati Uniti che nella loro storia hanno raccolto ben 1302 medaglie. Al secondo e terzo posto troviamo, rispettivamente, Russia e Giappone con 1140 e 1047 tra ori, argenti e bronzi. Diversa la situazione per il medagliere che combina le edizioni estive e invernali dell’Universiade: in questo caso il primo posto è per la Russia con 1602 podi, seguita dagli Stati Uniti con 1442 atleti medagliati.

Dai Mondiali di Manchester a una medaglia all’Universiade. La nazionale italiana maschile di taekwondo per conquistare il podio nel torneo che si disputerà nel Palazzetto dello Sport di Casoria, dal 7 al 13 luglio, punta su Roberto Botta, ex campione europeo nella categoria juniores e protagonista ai recenti Mondiali inglesi, finendo tra i primi otto della competizione. Botta è stato anche il compagno di allenamento di Simone Alessio, che a Manchester ha vinto la medaglia d’oro nei -74 kg, il primo italiano di sempre a finire sul gradino più alto del podio nella competizione iridata.

“Roberto vanta un gran repertorio e l’ottimo risultato ai Mondiali, dove ha sfiorato le semifinali e ha anche battuto il vice campione del mondo, l’inglese Damon Sansum, sarà un trampolino di lancio per l’Universiade, una competizione importantissima per il taekwondo e in generale per lo sport italiano” ha detto il commissario tecnico dell’Italia, Claudio Nolano, che ha anche preannunciato la presenza sul tatami, tra le donne, di Daniela Rotolo, terza agli Europei di Kazan lo scorso anno nei 62 kg e bronzo anche agli Europei di Montreux nel 2016.

LASCIA UN COMMENTO