Ciro Esposito, camera ardente a Scampia. Lutto cittadino a Napoli. Partecipazione di massa ai funerali.

0
227

La mamma di Ciro Esposito, Antonella Leardi, è arrivata all’Auditorium della Municipalità di Scampia a Napoli dove si trova la camera ardente allestita per il giovane tifoso. La donna, che si era allontanata per qualche ora dopo la veglia notturna, è stata accompagnata in auto fino alla soglia dell’ingresso.

Una volta scesa, è stata abbracciata da alcune donne che stavano entrando nella camera ardente. Lei ha ricambiato il saluto con commozione ed è entrata nella sede della Municipalità. È rimasta aperta tutta la notte la camera ardente per Ciro Esposito allestita all’Auditorium di Scampia.

A vegliare la bara sono rimasti il padre Giuseppe, la madre Antonella e la fidanzata Simona. Oggi Napoli, dove è stato proclamato il lutto cittadino, gli darà l’ultimo saluto. La madre e la fidanzata hanno lasciato l’Auditorium stamattina presto, mentre il padre è rimasto accanto a Ciro,circondato dall’affetto di parenti e amici.

Continua incessante il flusso di persone che vogliono dare l’ultimo saluto al giovane tifoso, morto mercoledì mattina al Gemelli di Roma a causa delle ferite riportate durante gli scontri che hanno preceduto la finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina lo scorso 3 maggio. Molti i cuscini e le corone di fiori, tra cui quelli inviati da altre tifoserie. A quelli giunti ieri, al momento, si è aggiunta una corona inviata dalla tifoseria della Curva Nord del Brescia.

La bara è ricoperta da sciarpe del Napoli Calcio e ai piedi del feretro sono sistemati i fiori portati dalla gente in visita alla camera ardente. Sono già a Napoli, le delegazioni delle tifoserie di Genoa, Catania e Siena. Mentre nel primo pomeriggio, sono attese in piazza quelle di Lazio, Fiorentina e Borussia Dortmund.

I funerali si svolgeranno, con rito evangelico, alle 16.30 in piazza Grandi Eventi a Scampia dove è stato predisposto un gazebo che accoglierà il feretro e dove è stato sistemato uno striscione su cui campeggia la scritta ‘Sempre con noi.

Ciro Esposito “vittima innocente della barbarie e della sopraffazione della violenza”. Così recita il manifesto con il quale il Comune di Napoli annuncia il lutto cittadino nel giorno dei funerali di Ciro Esposito, il tifoso morto dopo oltre 50 giorni di agonia nell’ospedale ‘Gemelli’ di Roma, per le ferite di arma da fuoco riportate negli scontri che hanno preceduto la finale di Coppa Italia, lo scorso 3 maggio.

“La città di Napoli – si legge – ricorda commossa e si stringe alla famiglia di Ciro Esposito”. La firma è del sindaco diNapoli, Luigi de Magistris.

Sono stati anticipati alle ore 16 i funerali di Ciro Esposito che si svolgeranno in piazza Grandi Eventi a Scampia. Il rito sara’ officiato dal pastore evangelico Alfredo Ciabatti. Il feretro – come spiegato – si spostera’ tra le 13 e le 13.30 non appena saranno terminati i preparativi nella piazza. In piazza Grandi Eventi gia’ dalle prime ore di oggi sono al lavoro per l’installazione del gazebo che accogliera’ la bara di Ciro. In piazza, inoltre, si stanno allestendo bagni chimici e la protezione civile si sta preparando per il servizio di distribuzione d’acqua.

Il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, si è recato ieri sera alla camera ardente allestita a Scampia dove ha reso omaggio alla salma di Ciro Esposito e ha salutato i suoi familiari. Oggi la Regione sarà presente ai funerali con il vice presidente della giunta, Guido Trombetti, ed il consigliere del presidente Caldoro allo Sport, Luciano Schifone.

«Ciro può continuare a vivere solo aiutandoci a rendere forte, autentico e senza appello il ripudio di ciò che lo ha condotto alla morte: la violenza. Non solo quella sportiva, ma quella che si nutre dell’odio verso l’altro, della contrapposizione spinta oltre il limite dell’umano». Così il cardinale di Napoli, Crescenzio Sepe.«Le lacrime che tutti versiamo in questo momento di dolore – aggiunge – reclamano anche il diritto e la dignità di non finire sprecate in un terreno arido, capace solo di renderle vane».

Un centinaio di tifosi è giunto alla camera ardente intonando lo slogan ‘Ciro uno di noì. Tutti indossano una maglia nera con la scritta ‘Ciro un eroè. Tra poco i tifosi porteranno a spalla il feretro fino a piazza dei Grandi eventi, percorrendo le strade del quartiere, e dove si terranno i funerali. Il calciatore del Napoli, Lorenzo Insigne, reduce dai Mondiali in Brasile, è giunto a Scampia per partecipare ai funerali di Ciro Esposito. Il calciatore azzurro è accompagnato dalla moglie Genny. Con lui anche il coordinatore delle giovanili del Napoli, Gianluca Grava. In piazza è stato portato anche lo stemma del club listato a lutto.

Presente anche il Presidente del CONI Giovanni Malagò.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO