GdF scopre azienda agricola abusiva con lavoratori immigrati irregolari a Boscoreale.

0
49

Foto guardia finanza, auto nel cortile del comando provinciale di CataniaNel quadro dell’intensificazione dei servizi di prevenzione generale e controllo economico del territorio a contrasto dell’economia sommersa, con particolare riguardo allo sfruttamento della manodopera irregolare o “in nero” ed all’impiego di stranieri privi di permesso di soggiorno, finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli hanno scoperto, nel comune di Boscoreale (NA), un’azienda agricola illegale che impiegava lavoratori “in nero” e non in regola con la normativa sull’immigrazione.

In particolare, i finanzieri del Gruppo di Torre Annunziata, a seguito di specifiche attività di osservazione svolte a riscontro di segnalazioni pervenute tramite l’utenza di pubblica utilità “117”, hanno eseguito un controllo presso un capannone adibito alla lavorazione di prodotti ortofrutticoli, scoprendo che all’interno vi erano 25 operai intenti al lavoro.

Al termine dell’attività esperita dai militari delle fiamme gialle oplontine, oltre a delinearsi un quadro desolante di sfruttamento del lavoro, si scopriva che tutti gli operai, 2 italiani e 23 stranieri, erano sprovvisti di regolare contratto di assunzione e prestavano la loro opera per almeno 8 ore giornaliere, venendo pagati con il sistema del “cottimo” ovvero 7 euro ogni 1.000 ortaggi lavorati.

In tale contesto, sono stati individuati anche 5 lavoratori, di sedicente nazionalità marocchina, sprovvisti di documenti d’identità. Dopo essere stati sottoposti alle procedure di identificazione, 1 di essi è risultato richiedente asilo politico mentre gli altri 4, essendo privi di permesso di soggiorno, sono stati denunciati all’a.g. competente per violazione alla normativa sull’immigrazione.

La titolare di fatto dell’azienda dovrà rispondere non solo del reato di irregolare assunzione di lavoratori stranieri “clandestini”, ma anche dell’evasione fiscale e contributiva connessa alla propria attività, svolta senza attribuzione di partita IVA.

LASCIA UN COMMENTO