I Martedì Critici, il Museo MADRE ospita Massimo Minini il 10 febbraio.

0
37

Massimo-Minini - Foto di Elisabetta Catalano-e1301653719154In collaborazione con l’associazione culturale “I Martedì Critici”, il MADRE di Napoli ospiterà martedì 10 febbraio, alle ore 18:00 (Sala delle Colonne, primo piano), il secondo dei quattro incontri pubblici previsti con alcuni protagonisti del mondo dell’arte contemporanea.

Per l’occasione il MADRE aprirà in via straordinaria anche la sera di martedì, abituale giorno di chiusura, dalle ore 17:30 alle 19:30 (primo piano). I quattro appuntamenti seguiranno la consueta formula dei Martedì Critici, che tornano a Napoli dopo le tappe in istituzioni quali il Museo Pecci di Milano, il MACRO e il MAXXI di Roma e il PAN: un’intervista pubblica, corredata da immagini, condotta da Alberto Dambruoso e Guglielmo Gigliotti, curatori del progetto, che permettono di ricostruire mostre, pubblicazioni, progetti, in una pluralità di collaborazioni con artisti, curatori, critici, collezionisti e appassionati.

Ospite del secondo appuntamento dei Martedì Critici al MADRE sarà Massimo Minini.

Accompagnando la grande mostra che si è svolta presso la Triennale di Milano, in cui sono state esposte le opere di ottanta artisti italiani e internazionali, nel 2013 è stato pubblicato Massimo Minini – Quarant’anni. 1973-2013, un volume che ripercorre attraverso immagini, ritratti, lettere, cartoline, inviti, annotazioni e documenti i quarant’anni di attività della galleria Massimo Minini. La galleria aprì nel 1973 a Brescia, in collaborazione fra Minini e Enrico Pedrotti, col nome Banco. Dopo gli studi in Legge a Milano, Minini cominciò a frequentare il mondo dell’arte appassionandosi al contemporaneo e, dal 1970 al 1973, collaborò con la rivista “Flash Art”, per poi fondare la sua galleria, oggi tra le principali gallerie italiane, il cuoi programma offre un vero e proprio spaccato della storia dell’arte degli ultimi decenni, a partire dalle ricerche dell’arte concettuale, dell’arte povera e minimal art (Carla Accardi, Robert Barry, Alighiero Boetti, Daniel Buren, Giuseppe Chiari, Luciano Fabro, Hans-Peter Feldmann, Alberto Garutti, Dan Graham, Anish Kapoor, Bertand Lavier, Sol LeWitt, Giulio Paolini, Ian Wilson, fra gli altri), per arrivare oggi agli artisti delle nuove generazioni, fra cui Vanessa Beecroft, Paolo Chiasera, Maurizio Donzelli, Haris Epaminonda, David Maljkovic, Ryan Mendoza, Tino Sehgal e Paul Thorel. La programmazione di Massimo Minini è inoltre particolarmente attenta alla ricerca fotografica di grandi autori italiani, da Gabriele Basilico a Elisabetta Catalano, da Paolo Gioli a Mimmo Jodice, fra gli altri (la sua collezione comprende centinaia di scatti che hanno per soggetto i ritratti di artisti). Minini ha pubblicato anche diversi libri, tra cui Mai scritti. Racconti, favole, lettere, qualche sogno (2009), brevissimi ma intensi scritti che narrano gli incontri con i protagonisti dell’arte avvenuti durante la sua lunga attività: questi mini-racconti, nati in occasione di una fiera per sostituire i cartellini con le didascalie che accompagnano le opere esposte, offrono una personale, intima versione della personalità degli artisti, e raccontano di una vita spesa per l’arte.

Per informazioni e prenotazioni (lunedì-venerdì, 09:00-18:00; sabato, 09:00-14:00):

Tel. + 39 081 19313016

Email info@madrenapoli.it

LASCIA UN COMMENTO