Il Comune di Pozzuoli alla Regione: da soli non possiamo più bonificare le aree demaniali

0
28

licola-5L’assessore all’Ambiente del Comune di Pozzuoli, Franco Cammino, chiede alla Regione Campania un sostegno per far fronte alle continue attività di smaltimento dei rifiuti abbandonati sulle aree demaniali di proprietà regionale.

“In questi due anni di amministrazione – dice Cammino – abbiamo compiuto a nostre spese, pur non avendone le competenze, diversi e onerosi interventi di bonifica sulle spiagge, sulle scogliere e su altre aree demaniali, soprattutto per rispondere alle giuste richieste dei cittadini e tutelarli da un punto di vista igienico-sanitario. Interventi che oltretutto stiamo continuando a svolgere e che fin qui ci sono costati circa 200 mila euro, tenendo conto dell’impiego di automezzi, attrezzature, personale e oneri di smaltimento. Oggi purtroppo questi costi non possiamo più sostenerli e per questo motivo ho chiesto all’assessore regionale all’Ambiente, Giovanni Romano, di assumersi gli oneri di questi interventi che rientrano nelle competenze della Regione Campania o di trovare una soluzione anche attraverso un tavolo di concertazione”.

Tra le maggiori attività di bonifica e di tutela ambientale compiute dall’amministrazione comunale in questi due anni ricordiamo: la messa in sicurezza e lo smaltimento di amianto, guaine bituminose e pneumatici nell’area archeologica di Cuma e in via Orsa Minore presso l’idrovora di Licola; prelievo di rifiuti e ripristino del sottopasso in viale dei Platani; rimozione e smaltimento di frazione differenziata di rifiuti in via Vicinale del Bosco; selezione e prelievo di rifiuti provenienti per la maggior parte dal canale di sfocio a mare del collettore Quarto/Giugliano/Camaldoli compiuto sulla spiaggia di Licola in prossimità dei lidi Le Dune e Le Aquile; bonifica delle coperture contenenti amianto delle ex case dei pescatori di Licola Borgo.

LASCIA UN COMMENTO