“Lasciateci divertire. L’arte si riprende la scena”, terzo appuntamento giovedì 19 al Museo Diocesano. La forza delle rovine a Palazzo Altemps.

0
26

18_La forza delle rovine“La forza delle rovine a Palazzo Altemps”. È questo il tema del terzo appuntamento della rassegna “Lasciateci divertire. L’arte si riprende la scena” che si terrà giovedì 19 novembre alle ore 18.00 nella Chiesa di Santa Maria Donnaregina Vecchia.

Introdotto da Marcello Barbanera, ideatore della mostra e professore di Archeologia classica presso l’Università La Sapienza di Roma, l’incontro vedrà la partecipazione di Michele Dantini, professore di Storia dell’Arte contemporanea presso l’Università del Piemonte orientale, Carlo Rescigno, professore di Archeologia Classica presso la Seconda Università di Napoli, e Valeria Parrella, scrittrice e giornalista.

Sebbene l’associazione rovine e archeologia sia la più immediata nell’immaginario comune, il tema delle rovine – al centro dell’esposizione in corso al Museo Nazionale Romano a Palazzo Altemps fino al 31 gennaio – riguarda in realtà ambiti molteplici: dalla letteratura alla filosofia e alla pittura, dalla teoria del restauro all’architettura e all’urbanistica, fino alla psicanalisi, alla sociologia e alla musica. 120 opere, tra materiali classici e testimonianze moderne, a ricostruire un ampio discorso che arriva alla contemporaneità e alle catastrofi del presente, tracce e simboli di memoria a rappresentare un monito ma anche fonti di energia creativa per il futuro.

Promosso dalla Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia in collaborazione con Electa e con la Fondazione Donnaregina per le Arti Contemporanee di Napoli, il ciclo di incontri, che ha preso il via lo scorso 28 ottobre con il racconto della mostra “Pompei e l’Europa” al Mann e a Pompei, proseguirà con altri 2 appuntamenti, sempre alle ore 18.00. “Mostre contro Musei: combattimento per un’esposizione” il 26 novembre e “Il patrimonio culturale per l’identità e per la crescita della comunità. I nuovi direttori dei musei della Campania si presentano” il 3 dicembre.

LASCIA UN COMMENTO