L’International School of Naples e la Sicurezza Stradale.

0
103

Continua l’instancabile lavoro del Cav. Antonio D’Ambrosio, del Reparto Storico Polizia Stradale, impegnato nel portare avanti il progetto  “IV Festival Internazionale delle Arti per la Sicurezza Stradale – Occhio alla Strada”.

La manifestazione che è proposta per  il quarto anno, anche per i successi sempre crescenti ottenuti nelle precedenti edizioni, vede coinvolti, attraverso un concorso riservato agli studenti delle scuole d’ogni ordine e grado, i giovani al fine di sensibilizzarli nel prevenire ed evitare incidenti stradali.

La kermesse per la prevenzione e sicurezza sulle strade avrà, martedì 19 maggio, presso l’Istituto Superiore Casanova di Napoli, con una intera mattinata dedicata alle premiazioni di questa edizione del concorso, il suo momento clou per l’anno 2015.

La manifestazione che, già dallo scorso anno, è stata insignita di medaglia dal Presidente della Repubblica Italiana il quale ne ha riconosciuto l’alto valore sociale, prosegue con l’intento di un percorso sempre più condiviso, in un dialogo costruttivo con i Garanti delle Istituzioni.

Nell’attesa dell’annuale giornata, che determina il termine di un concorso per poi iniziarne un altro aggiungendo alle esperienze ed ai lavori prodotti dai volenterosi ragazzi, che si impegnano su un problema vitale, altre opere premiate, il Cav. D’Ambrosio utilizza ogni possibilità per tenere sempre vivo l’interesse all’iniziativa da lui condotta ed  accrescerla d’interesse  attraverso eventi che si intervallano allo stesso concorso.

Infatti dopo un incontro, nel mese di aprile, con scolaresche degli ultimi anni di formazione degli istituti superiori sul tema  “Uso e abuso di alcool: sue tragiche conseguenze alla guida dei veicoli”, tenutosi nella sede  del Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche Campania, Molise, Puglia e Basilicata, in  via Marchese Campodisola 21 a Napoli, ne ha organizzato nei primi giorni di maggio un altro a Bagnoli in quello che è stato per anni il quartiere generale delle Forze NATO. La grande disponibilità di tutti gli operatori della “International School of Naples “ che esercita le sue attività scolastiche negli edifici scuola che erano nell’ex base Nato, ha permesso ad un gran numero di alunni di vivere una giornata particolare. Nel loro impegno per il concorso dedicato alla Sicurezza Stradale e per il quale si sono fortemente impegnati nella realizzazione di particolari evidenziazioni della segnaletica, i piccoli giovani studenti parlanti la lingua americana, hanno potuto godere della proiezione di filmati realizzati dai vincitori della precedente edizione di questo concorso tradotti simultaneamente dall’italiano all’inglese dalla stessa direttrice  della Scuola Internazionale di Napoli: Josephine Sessa. Alla presenza di giornalisti e studenti di questo istituto, che attraverso la direttrice ed i  docenti ha offerto ospitalità per l’evento, il  Cav.  Antonio D’Ambrosio ha parlato ai giovani che attentamente hanno ascoltato le finalità che l’organizzatore del concorso propone e tutti gli obiettivi che si possono raggiungere al fine di evitare incidenti ed a volte anche stragi sulle strade. La direttrice Sessa, man mano ha tradotto in inglese le parole di D’Ambrosio,  mentre a coordinare i lavori della giornata ed a richiamare l’attenzione sul momento che questi ragazzi stavano vivendo è intervenuta l’insegnante d’arte Simona Bassano di Tufillo, che si è adoperata anche nelle riprese per documentare un momento così significativo per l’International School of Naples. Con una visione ed anticipazione del lavoro che gli studenti di questa scuola stanno portando a termine come lavoro prodotto per partecipare alla gara che proclamerà i vincitori di quest’anno del concorso  “IV Festival Internazionale delle Arti per la Sicurezza Stradale – Occhio alla Strada” l’ insegnante di Computer Maria Eleonora Bonnici, ha introdotto i giovani Serdar Prencuva e Rosa Simeoli che a loro volta hanno presentato il sito web realizzato per la manifestazione sulla sicurezza stradale.

Giuseppe De Girolamo

LASCIA UN COMMENTO