L'Università di Napoli Federico II attiva il Corso di laurea in Scienze Nutraceutiche.

0
59

20110405_universita_farmaciaScienze Nutraceutiche”: è il nuovo corso di laurea attivato dal Dipartimento di Farmacia dell’Università di Napoli Federico II a partire dal prossimo anno accademico. Un percorso triennale unico in Italia, al quale saranno ammessi 100 studenti per anno. Studiare per diventare esperti nell’impiego degli alimenti-farmaci ed essere in grado di utilizzare le proprietà curative di principi naturali contenuti negli alimenti andando oltre la semplice alimentazione per un uso preventivo ma anche terapeutico degli alimenti.

“Questo progetto formativo – spiega il professore Ettore Novellino, direttore del Dipartimento di Farmacia – è nato per dare una risposta operativa ai cambiamenti che stanno avvenendo nel mondo del farmaco considerato infatti che l’informazione scientifica è un’opportunità occupazionale che come tale va esaurendosi. D’altra parte esiste un mercato della salute e del benessere, quello dei farmaci per le persone sane, nel quale è necessario portare una corretta informazione dal punto di vista scientifico e non solo commerciale. Abbiamo ritenuto che fosse questa l’area specifica nella quale una figura professionale nuova potesse trovare spazio e giusta dimensione occupazionale”.

La nutraceutica è la scienza che si occupa di studiare gli alimenti farmaci. Il termine “nutraceutico” è un neologismo sincratico che deriva dalla crasi delle parole “nutrizione” e “farmaceutico”, e il dizionario Merriam-Webster definisce come “nutraceutico” un alimento o parte di un alimento che fornisce benefici salutistici oltre al proprio contenuto nutrizionale. L’utilizzo di nutraceutici, ottenuti da fonti vegetali ma anche di origine animale è in grado di prevenire ma anche di curare numerose patologie, molte delle quali dipendono in maniera diretta da stili di vita e abitudini alimentari sbagliate, riducendo il costo della terapia farmacologica convenzionale per numerose patologie e quindi aumentando la sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale.

LASCIA UN COMMENTO