Lupi: al termine dell’informativa alla Camera rassegnerò le dimissioni. Per la successione possibile interim di Renzi ma c’è anche Cantone.

0
48

Maurizio Lupi, oggi le dimissioni?“Domani al termine dell’informativa” alla Camera, “rassegnerò le dimissioni”. Lo ha detto ieri il ministro Maurizio Lupi durante la registrazione di Porta a Porta. “Per me la politica non è un mestiere ma passione. E’ poter servire il proprio Stato. Non ho perso né l’onore né la passione”, ha aggiunto Lupi.

“La scelta di Maurizio è una scelta saggia, per sè, per Ncd, per il governo”: cosi’ il presidente del Consiglio Matteo Renzi commenta le dimissioni del ministro delle infrastrutture Lupi.

Lupi definisce le dimissioni “la decisione migliore” anche perché siccome “ho fatto insieme a Renzi una legge che si chiama Sblocca Italia” non “è possibile continuare il proprio mestiere” se ci sono delle ombre. “Credo che forse un mio gesto – che non vuol dire ritirarmi alla politica, perché non c’è bisogno di una poltrona per fare politica – questa mia decisione rafforzerà l’azione del governo”, ha spiegato il ministro Maurizio Lupi a “Porta a porta”. “Renzi mi ha detto: “io non ti ho mai chiesto né chiederò le tue dimissioni perché non posso chiederle, dico che è una tua decisione”. Lo ripeto: né il segretario del Pd, né il presidente del Consiglio mi hanno chiesto le dimissioni”.  “Devo ringraziare anche il mio partito – ha aggiunto il ministro -. Tutto il mio partito mi ha detto che non devo dimettermi perché non c’è ragione”.  “Attaccate me ma lasciate stare mio figlio. Mio figlio è stato mandato dal politecnico di Milano a fare sei mesi di tesi e di stage a tremila dollari al mese e per sei mesi lavora presso uno studio di San Francisco”, ha detto ancora Maurizio Lupi a “Porta a porta”. “Ma perché dovrei chiedere a Incalza di fare pressioni su Perotti per raccomandare mio figlio se avrei potuto chiamarlo direttamente?”.  “La cosa migliore è che io mi assuma tutte le mie responsabilità ma salvaguardi la mia famiglia”, ha detto ancora Lupi a “Porta a porta”. “Credo – ha aggiunto – che sia interesse di Matteo Renzi non indebolire la coalizione, non dare l’impressione e la ragione politica di indebolire questo governo che non è un monocolore del Pd. Con Matteo Renzi ci siamo dati appuntamento per domani quando rientrerà dal Consiglio Europeo per discutere con me ed Angelino Alfano per discutere come non fermare l’azione del governo”.

Lupi verso nomina a capogruppo alla Camera – Maurizio Lupi diventerà probabilmente il nuovo capogruppo alla Camera di Ncd. Lo si apprende da fonti parlamentari. Stasera il ministro incontrerà il leader del partito Angelino.

Renzi verso interim Trasporti, c’è ipotesi Cantone – Non sarà Maurizio Lupi il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti al taglio del nastro dell’Expo 2015. Dopo le annunciate dimissioni per quanto emerso dall’inchiesta sugli appalti per le grandi opere, l’inaugurazione dell’evento potrebbe vedere Matteo Renzi nella duplice veste di presidente del Consiglio e ministro ad interim. Ma non è escluso un rapido avvicendamento, con ‘mini rimpasto’ di governo e l’approdo di un nuovo ministro di Ncd agli Affari regionali. In ogni caso, spiegano fonti della maggioranza, il premier è intenzionato a portare a Palazzo Chigi la struttura tecnica di missione del ministero delle Infrastrutture: una vecchia idea di Renzi, alla quale proprio Lupi si era opposto. (ANSA)

LASCIA UN COMMENTO