Marsiglia (Fedepetroli Italia): aquisti di prodotti e servizi petroliferi non riconducibili a Califfato Islamico

0
89

dashhhh<<A quanto ci risulta finora, diamo nota che le fonti di approvvigionamento di prodotti petroliferi (greggio) e raffinati, nonchè altri tipi di servizi ad uso dell’indotto energetico italiano e del comparto Oil & Gas, non sono assolutamente riconducibili a strutture del Califfato Islamico (ISIS), il tutto è documentato da operazioni bancarie, bolle di consegna, fonti di provenienza ed altra documentazione contabile ed amministrativa>> queste le parole del Presidente della FederPetroli Italia – Michele Marsiglia a margine degli attentati di Parigi e sulle voci che l’industria petrolifera/energetica italiana possa indirettamente contribuire all’indotto economico di terzi soggetti non ufficialmente specificati e qualificati.

Continua Marsiglia <<Che il Medio Oriente sia la miglior location per gran parte di greggi e, terra di Petrolio penso che non sia notizia dell’ultim’ora. I fornitori sono aziende accreditate e con specifici codici di riferimento, niente di illegale o altre operazioni non lecite. Invito a fare chiarezza quando si parla di autobotti che circolano da nord a sud della Siria e da est ad ovest dell’Iraq. Bisogna sapere di cosa si parla altrimenti si crea informazione distorta che è causa di problematica all’indotto da noi rappresentato.

Certo, nessuno esclude la possibilità che cellule possano impossessarsi di pozzi o impianti ma è da considerare che il Daesh non ha un logo sulle proprie fatture e non ci risultano biglietti da visita con tali denominazioni.

Il Petrolio è fonte strategica per l’economia delle zone occupate e rappresenta il 90% della ricchezza nei territori come Siria, Iraq, Libia ed altri della zona Mediorientale. Queste sono ad oggi le informazione di cui possiamo dare conoscenza con la massima trasparenza>> conclude la nota.

FederPetroli Italia sta monitorando già da tempo la situazione (inizio crisi libica) con il Medio Oriente ed aggiornando costantemente le Istituzioni competenti con report e dossier.

LASCIA UN COMMENTO