A Napoli Convegno internazionale per una scuola migliore il 14 e 15 maggio.

0
41

2015430192248dlUn simposio internazionale tra studiosi di tutto il mondo per migliorare la scuola: organizzato dall’Indire, l’Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa, si terrà il 14 e 15 maggio a Napoli e vedrà a confronto gli esponenti della comunità scientifica e i decisori politici nazionali e locali. L’evento vuole essere l’occasione per un confronto a livello internazionale sul tema del miglioramento della scuola, in relazione alle performance delle istituzioni scolastiche, agli esiti conseguiti dagli studenti e alla qualità complessiva del sistema di istruzione. La due giorni sarà anche l’occasione per presentare il modello di miglioramento utilizzato in Italia dall’Indire e gli esiti delle ricerche condotte nell’ambito del progetto Vales (“Valutazione e Sviluppo Scuola” che ha coinvolto 200 scuole del primo e del secondo ciclo delle Regioni Obiettivo Convergenza, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia).

Giovedì 14 maggio l’apertura dei lavori è affidata a Flaminio Galli, direttore generale dell’Indire, Giovanni Biondi, presidente dell’Istituto, Davide Faraone, sottosegretario di Stato del Miur, Elena Ugolini, consigliere del Ministro dell’Istruzione, Carmela Palumbo, direttore generale per gli Ordinamenti e Anna Maria Leuzzi, autorità di Gestione del Miur.

Si prosegue poi con la sessione mattutina su “Le istituzioni italiane ed europee per l’innovazione e il miglioramento dei sistemi di istruzione” con Andres Sandoval-Hernandez dell’International Association for the Evaluation of Educational Achievement e Lee Northern dell’Office for Standards in Education(UK). A seguire, la tavola rotonda moderata da Carmela Palumbo, direttore generale per gli Ordinamenti, con la Fondazione Agnelli, l’Associazione Treellle e Fondazione per la Scuola Compagnia di San Paolo.

La sessione pomeridiana avrà come tema portante la ricerca sullo school improvement nel panorama internazionale: intervengono Patricia Wastiau diEuropean Schoolnet, Leonidas Kyriakides dell’Università di Cipro, Hau Kit-taidell’Università di Hong Kong, lo svedese Jan Håkansson della Linnaeus University, Peter Rudd dell’Università di York e Robert Hassell dell’Australian Council for Educational Research.

Il giorno successivo, venerdì 15 maggio, si apre con la sessione mattutina sull’”esperienza e la ricerca dell’Indire sul miglioramento, dalle sperimentazioni al Sistema Nazionale di Valutazione“.

Apre i lavori della giornata Massimo Faggioli, dirigente di ricerca dell’Indire, che parlerà dei progetti e delle ricerche dell’Indire per innalzare la qualità del sistema scolastico. Si prosegue poi con Francesca Storai, ricercatrice dell’Istituto, che ripercorrerà l’esperienza dell’Indire nei progetti sperimentali PQM, VSQ e VALeS. Sarà poi la volta di Susanna Mantovani dell‘Università Milano Bicocca con un intervento sulla figura del consulente per il miglioramento della scuola, Angelo Paletta dell’Università Alma Mater di Bologna sulla educational leadership e miglioramento della qualità dell’istruzione e Mauro Palumbo dell’Università di Genova che affronterà il tema della progettazione del miglioramento. A chiusura dei lavori della mattinata, la tavola rotonda moderata da Mario Castoldi dell’Università di Torino che coinvolgerà le reti territoriali per la qualità – Marchio Saperi, AVIMES, AICQ, AUMI, FARO, Rete Costellazioni, Poli per la qualità.

L’ultima sessione, dal titolo “L’avvio del SNV: dall’autovalutazione al miglioramento. Attori e prospettive”, sarà moderatada Damiano Previtali, esperto dei processi di valutazione presso il Miur, l’Invalsi e l’Indire. Intervengono Giancarlo Cerini del Corpo ispettivo del Miur, Annamaria Ajello presidente dell’Invalsi, Massimo Faggioli dirigente di ricerca dell’Indire e Jaap Scheerens, ordinario di Management educativo all’University of Twente (Olanda). A chiusura dei lavori, Dino Cristanini, ex direttore generale dell’Invalsi, modera uno spazio dedicato agli interventi delle Associazioni professionali della scuola e organizzazioni sindacali.

LASCIA UN COMMENTO