Nencini: Di Lello ottimo candidato per Regione chiave come la Campania.

0
38

20150219_122315-1“Spero che sia prevedibile una sorpresa, ma non una seconda sorpresa. Prevedibile che avremo un risultato che è al di sopra di ogni aspettativa, ma non vorrei però che ci fosse la seconda sorpresa, che a forza di rinviare le primarie, non si facessero più”.

Così il segretario nazionale del Psi Riccardo Nencini a margine della conferenza stampa tenutasi stamani a Napoli, alla presenza del gruppo regionale campano guidato da Corrado Gabriele, dove il vice ministro del Governo Renzi ha portato il proprio sostegno al candidato Psi Marco Di Lello, in corsa per le primarie del centrosinistra.

“Il continuo rimandare le primarie, certamente non aiutano a farle diventare uno strumento concretissimo di scelta delle candidature. Sarebbe stato meglio avere – prosegue – una data certa e attorno a quella data, chiamare alla sfida i vari competitors, indipendentemente dall’appartenenza”. Ma aldilà della data, che al momento e vista la decisione dell’ultima direzione telematica che le ha ulteriormente rimandate al primo marzo, Nencini nell’apostrofare Di Lello come “un ottimo candidato in campo”, inquadra l’importanza della Campania in vista delle prossime elezioni regionali. “La Campania come regione è la chiave del Sud. Si gioca la sfida delle regionali perchè – aggiunge il vice ministro alle infrastrutture – nelle altre Regioni chiamate al voto, a meno di cataclismi, le cose sono diverse”.

A tal riguardo, il segretario nazionale del Psi, parla di ”rottura temporanea del Patto del Nazareno” tra Pd e Forza Italia che durerà ”solo fino al giorno dopo le elezioni”. In quest’ottima spiega Nencini, “Berlusconi deve tenere alta la bandiera di un centrodestra moderato, che in Campania può ricompattarsi e scommettere sul futuro”. Un domani che potrebbe vedere di nuovo protagonista il centrosinistra, guidato da quel “Cincinnato-Di Lello”, che nel suo arco porta frecce di buon governo, sia in regione Campania, vista la sua precedente esperienza di assessore regionale, sia in Parlamento. (AGENPARL)

LASCIA UN COMMENTO