Operazione Pieno Sicuro, Guardia di Finanza controlla 30 pompe di benzina nelle provincie di Napoli, Caserta e Salerno.

0
32

Dalle prime ore di oggi finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, con il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli – Sezione Criminalità Economica, stanno eseguendo decreti di perquisizione e sequestro di trenta impianti di distribuzione di carburante siti nelle provincie di Napoli, Caserta e Salerno nel contesto di una vasta indagine in materia di contrabbando di prodotti petroliferi soggetti ad accisa, benzina e gasolio.

L’attività di servizio, per la quale sono impegnati oltre centocinquanta militari delle Guardia di Finanza, è mirata a specifici accertamenti quali: vendita in nero di gasolio e benzina; approvvigionamento di prodotti petroliferi in contrabbando; illecito utilizzo del cosiddetto regime di deposito fiscale; falsi acquisti e cessioni intracomunitarie; false esportazioni; false destinazioni ad usi agevolati ovvero esenti; falsificazione dei documenti di trasporti e dei registi di carico e scarico dei prodotti energetici; quantificazione di ingenti volumi di prodotti petroliferi consumati in frode; manomissioni delle colonnine di erogazione ovvero del software di quantificazione del prodotto commercializzato; falsificazione dei sigilli metrici ovvero dei contrassegni legali; illecite operazioni di miscelazione di prodotti energetici; frode in commercio ai danni degli automobilisti; illeciti flussi finanziari ed illecite movimentazioni di danaro; interessi nel settore anche da parte della criminalità organizzata.

L’indagine ha preso avvio dagli accertamenti nel settore da parte delle Fiamme Gialle e dall’intensificazione dell’attività di contrasto agli illeciti nella commercializzazione in contrabbando di prodotti soggetti ad accisa, con ingenti danni all’erario nazionale e dell’Unione Europea nonché ai consumatori.

I controlli, che proseguiranno per tutta la giornata, hanno consentito finora di porre sotto sequestro dodici impianti di distrIbuzione di carburante perché sono state riscontrate manomissioni illegali.

LASCIA UN COMMENTO