Orientale, Elda Morlicchio nuovo Rettore.

0
184

Foto_01Elda Morlicchio, 57 anni, professore di Lingua e linguistica tedesca, è il nuovo Rettore dell’Università degli studi di Napoli L’Orientale.

È stata eletta il 18 giugno 2014 alla prima tornata con n. 123 voti, (bianche 5 e nulle 2; voti per Cataldi 47  ), ed entrerà in carica dal 1 novembre 2014. Il suo incarico durerà sei anni, fino al 31 ottobre 2020. Su 192 aventi diritto al voto, hanno votato in n. 177, ossia il 92%, si tratta di una delle percentuali più alte nella storia delle votazioni all’Orientale.

È la prima volta nella storia dell’università italiana che a una donna Rettore, Lida Viganoni, succede un’altra donna.

«Ringrazio tutti gli elettori che mi hanno accordato la loro fiducia, aver raccolto un consenso così largo mi inorgoglisce e nello stesso tempo mi fa sentire il peso di una grande responsabilità. Ricambierò la fiducia degli elettori continuando a lavorare insieme ai tre Dipartimenti e offrendo ai nostri studenti una formazione che consenta loro di poter affrontare con serenità le sfide del mercato del lavoro» dice la Morlicchio.

Morlicchio, autrice di circa sessanta saggi in riviste e in volumi italiani e tedeschi, è membro di associazioni scientifiche di ambito linguistico (Associazione Italiana di Filologia Germanica, Associazione Storia della Lingua Italiana, Società di Linguistica Italiana, Società Italiana di Glottologia, Società Italiana di Didattica delle Lingue e Linguistica Educativa), ed è Presidente dell’Associazione Italiana di Germanistica.

«Ringrazio il Rettore Viganoni per il lavoro svolto finora e che continuerà a svolgere fino a novembre. Se il nostro Ateneo ha superato momenti difficili è stato grazie al suo impegno e alla sua dedizione» dice la Morlicchio.
Gli ambiti di ricerca sono  la storia della lingua tedesca, il contatto linguistico  e interculturalità tra mondo romanzo e mondo germanico. Dal 1995 è responsabile della sezione Germanismi dell’opera monumentale Lessico Etimologico Italiano, opera diretta da Max Pfister e Wolfgang Schweickard, progetto finanziato da Mainzer Akademie der Wissenschaften und der Literatur e da altri istituzioni tedesche e italiane.

«L’Orientale sarà un ponte tra la città e il resto del mondo, grazie ai 400 accordi internazionali firmati, spero che Napoli riconquisti quel ruolo di capitale del Mediterraneo che oggi più mai risulta di importanza fondamentale. In questo L’Orientale, con la sua vocazione internazionalista e interculturale, darà sicuramente il suo contributo» dice la Morlicchio.

LASCIA UN COMMENTO