Rapina nel Vicentino, Francesco Caruso su Raidue giustifica l’assalto alla gioielleria: “Così i poveri recuperano la ricchezza loro estorta”. Il Coisp: “Un anticipo delle perle di saggezza che trasmetterà ai suoi studenti”.

1
42

++ BENZINAIO UCCISO A COLTELLATE DURANTE TENTATIVO RAPINA ++dalla Segreteria Nazionale del COISP, Coordinamento per l’Indipendenza Sindacale delle Forze di Polizia riceviamo e pubblichiamo:

“Se gli immigrati rubano, la colpa è delle diseguaglianze create dai ricchi e le rapine sono un metodo
violento che i poveri hanno per recuperare la ricchezza loro estorta…”.

“Et voilà! Le parole di Francesco Caruso riportate dai media nei sunti della sua apparizione di ieri su RaiDue sono una perfetta anticipazione delle ‘perle di saggezza’, disgustosamente infarcite di letture distorte in salsa politica di fatti anche gravissimi, che il docente si appresta a trasmettere agli studenti dell’Ateneo di Catanzaro. Affermazioni perfettamente in linea con la mentalità totalmente priva di equilibrio che abbiamo – in modo fondato – sempre attribuito al leader No Global, di poter sostenere le proprie ragioni con ogni mezzo ed a qualunque costo. Non siamo affatto sorpresi della vergognosa giustificazione dell’uso della violenza da parte di una persona che ha fatto della ribellione irriducibile il proprio compito ‘a tempo pieno’, come lui stesso disse. Purtroppo, però, parte di quel tempo adesso lo condividerà invece con gli universitari che frequenteranno il corso affidatogli, speriamo che alla fine del ciclo di lezioni non si convincano di avere il diritto di andare a incendiare le case di chi guadagna più dei loro genitori… Anche perché fra i nemici ‘proprietari terrieri’ troverebbero proprio il loro docente”.

Commento fra il serio ed il faceto da parte di Franco Maccari, Segretario Generale del Sindacato Indipendente di Polizia, dopo le dichiarazioni di Francesco Caruso, ieri nel corso della trasmissione ‘Virus’ su RaiDue, a proposito di quanto avvenuto a Nanto, nel Vicentino, dove l’oramai noto benzinaio Graziano Stacchio, sentendo che nella gioielleria vicino al suo distributore c’era una rapina, è intervenuto fronteggiando
ladri armati di mazze e kalashnikov e, vedendosi sparare addosso, ha risposto con il proprio fucile da caccia
ferendo un rapinatore ed uccidendone un altro.

Durante il collegamento Caruso – cui di recente è stato assegnato il Corso di Sociologia dell’ambiente
e del territorio presso l’Università “Magna Graecia” di Catanzaro, con forti critiche da parte del Coisp che hanno scatenato una lunga scia di polemiche – ha avuto un’accesa discussione con il proprietario della gioielleria vittima dell’ennesimo tentativo di rapina, anche quando ha fatto affermazioni tipo: “Se gli immigrati rubano la colpa è delle diseguaglianze create dai ricchi e le rapine sono un metodo violento che i poveri hanno per recuperare la ricchezza loro estorta”; o anche: “L’ordine pubblico non può essere delegato a un benzinaio”, o anche “la delinquenza riguarda anche gli italiani”.

“Che la delinquenza riguardi anche gli italiani non c’è alcun dubbio – aggiunge Maccari -, né che la competenza
sull’Ordine pubblico appartenga a noi Forze dell’Ordine, che potremmo fare molto meglio il nostro lavoro
se sputasentenze di tale calibro, che spesso fanno anche danni in Parlamento a scapito del Comparto, non pensassero a come fare la guerra a noi, invece che a schierarsi senza se e senza ma contro ogni, e ripetiamo OGNI forma di violenza e di violazione delle leggi e di aggressione alle Istituzioni. I ‘poveri’ sono tanti, caro Caruso. Ed anche un ‘semplice’ benzinaio, o un ‘comune’ commerciante, o una commessa indifesa hanno il sacrosanto diritto di non vedersi sparare addosso o scippare quello che hanno costruito con sudore della fronte, qualunque sia il motivo che anima i CRIMINALI che li minacciano. I ‘poveri’ di cui tanto
nobilmente Caruso si preoccupa, siamo noi Poliziotti che non abbiamo giubbotti antiproiettile a sufficienza
per tutti, né uniformi, né munizioni per le esercitazioni di tiro, né auto di servizio, e molto altro ancora…
e non rapinatori che se ne vanno allegramente in giro imbracciando armi da guerra!”.

“Quanto all’ignobile, sottile e sottintesa, ed aggiungiamo delirante, giustificazione da parte di Caruso dell’uso
della violenza quando ci si considera defraudati di qualcosa – conclude Maccari – attendiamo di sentirgliela
ripetere se e quando lui o la sua famiglia saranno bersaglio di rapinatori armati di kalashnikov e di mazze”.

1 COMMENTO

  1. Ho visto uno spezzone e Caruso non dice nulla del genere.
    Siamo sicuri che non se lo sia inventato l’esimio Maccari?
    Segretario di un sindacato vergognoso che andrebbe sciolto immediatamente?
    Quello che faceva i presidi davanti all’ufficio della madre di Aldrovandi?
    Sarebbe ora di non cagare più certa gente, non credete?

LASCIA UN COMMENTO