Reggia di Caserta, precisazione di Confintesa: no a strumentalizzazioni.

0
60

12802918_10153629870089915_3036909767330576077_n“La denuncia, riportata da tutti i media, dei sindacati nei confronti del Direttore del monumento, Mauro Felicori, non è condivisibile ed è contraria ai principi di ragionevolezza e buon senso, anche se per alcuni aspetti ha ragioni fondate.”

Così dichiara Francesco Prudenzano, Segretario Generale di CONFINTESA, di cui la Federazione INTESA FP fa parte.

“Colgo l’occasione per chiedere una rettifica relativamente alla denominazione della nostra sigla sindacale che, non facendo più parte della UGL, è stata denominata erroneamente da molti media, UGL-INTESA.” continua Prudenzano.

Per entrare nel merito della vicenda premetto che, dopo un rapido accertamento delle responsabilità, è stato sostituito il Coordinatore Nazionale MIBACT, Renato Petra, con Giancarlo Lustrissimi, attuale vice Segretario Generale della Federazione INTESA FP. Riguardo i contenuti della lettera incriminata, non possiamo che condannare la strumentalizzazione che è stata fatta di sacrosanti strumenti e istituti contrattuali che, occorre ricordare, servono per la tutela de lavoratori nell’interesse del bene comune, e non per strumentalizzazioni grossolane. Questo aspetto ha cancellato quello che di buono la nota conteneva, ha cancellato i meriti che ha avuto il nostro sindacato, come per lo sgombero degli abusivi dai giardini della Reggia di qualche mese fa, e ha reso vana la stessa funzione del sindacato, agli occhi di tutta l’Italia.” Conclude Prudenzano.

 

LASCIA UN COMMENTO