Università, presentazione del Complesso di San Giovanni a Teduccio.

0
159

san_giovanni_10.Si terrà domani, venerdì 10 aprile 2015, nell’area ex Cirio, la conferenza stampa in cui verrà illustrato il Complesso Universitario San Giovanni dell’Università di Napoli Federico II.

L’appuntamento è alle 11, presso la sala riunioni, al piano terra dell’Edificio L1, in corso Protopisani, a San Giovanni a Teduccio.

Alla conferenza interverranno il Rettore dell’Università Federico II, Gaetano Manfredi, il Presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, il Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, il Presidente del CNR, Luigi Nicolais, l’Assessore all’Università e alla Ricerca Scientifica e Vicepresidente della Regione Campania, Guido Trombetti, l’Assessore alle Opere e Lavori Pubblici della Regione Campania, Edoardo Cosenza ed il Presidente della 6° Municipalità, Anna Cozzino.

All’incontro seguirà una visita guidata al complesso in costruzione,  sede in passato dell’ex stabilimento Cirio. Un’area di 200.000 mq di area che ospiterà aule, laboratori, biblioteche, studi dipartimentali e centro congressi. Un’ attività di rivalutazione degli spazi, in una logica di riqualificazione urbana della fascia litoranea di Napoli e dei quartieri periferici.

San Giovanni è un quartiere della zona est di Napoli, che in passato è stato sede della più importante industria conserviera del Mediterraneo, la Cirio, e della prima industria ferroviaria in Italia, servendo la tratta Napoli-Portici, col celebre opificio di Pietrarsa.

Il Comune di Napoli ha dato vita ad una serie di progetti per la rivalutazione dell’area tra cui, appunto, la realizzazione di una nuova sede dell’Università Federico II.

Le Attività già avviate:

 

  • CeSMA – Centro Servizi Metrologici Avanzati: 30 grandi laboratori per servizi all’industria
  • 20.000 mq di locali interrati: locali tecnici e parcheggio con 400 posti auto
  • Federico II HUB: procedure per la cooperazione con il tessuto industriale

 

CeSMA è il Centro Servizi Metrologici Avanzati dell’Ateneo Federico II, in cui laboratori preesistenti lavorano in rete con laboratori di nuova realizzazione per svolgere attività di misura in diversi campi in diversi campi dell‘Ingegneria, della Fisica, della Chimica e della Biologia. Il Centro CeSMA si pone come nodo di collegamento fra l’Ateneo Federico II e il settore industriale e imprenditoriale che necessita di servizi di misurazione per un adeguato sviluppo della propria attività. Offre al mercato una rete di laboratori in grado di offrire attività consulenziale per l’esecuzione in outsourcing di specifiche misurazioni. Oltre che nei propri laboratori, il CeSMA può operare direttamente presso il committente, grazie all’impiego di tecnologie innovative di rete.

LASCIA UN COMMENTO