Usura, Gdf arresta 2 persone e sequestra beni per 4 milioni a Marcianise.

0
46

Nelle prime ore della mattinata odierna, militari della Guardia di Finanza appartenenti alla Compagnia di Marcianise ed allo SCICO di Roma, hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Napoli nei confronti di:

1) CAMPOMAGGIORE Pietro, nato il 03.01.1958 a Marcianise;

2) CAMPOMAGGIORE Michele, nato il 28.07.1963 a Marcianise.

L’attività di indagine, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, è stata tesa disarticolare il Clan Belforte, in particolare i soggetti che hano reinvestito in attività illecite, soprattutto usurai proventi dell’organizzzazione criminosa.

Le indagini, nell’ambito delle quali risultano indagate altre persone, hanno pennesso di acquisire gravi indizi di reato nei confronti degli an’estati, responsabili di concorso estemo in associazione mafiosa ed usura aggravata dall’utilizzazione del metodo camorristico, posti in essere in danno di vari imprenditori locali (molti dei quali attivi nel settore delle vendite di auto usate).

In particolare, le investigazioni hanno dato riscontro a diverse dichiarazioni rese da alcuni collaboratori di giustizia, portando alla luce l’esistenza di un’intensa attività usuraia perpetrata in modo sistematico e quotidiano attraverso continue richieste di denaro in danno delle numerose vittime.

Le pressioni esercitate sulle persone offese, soggette a gravi e frequenti atti di intimidazione, le ponevano in una condizione di paura e totale soggezione.

A causa del timore di subire gravi ritorsioni, gli imprenditori usurati, a fronte dei prestiti ricevuti, dovevano corrispondere interessi elevatissimi in una spirale perversa che li ha portati in una situazione di grave dissesto finanziario e sul ciglio del fallimento.

Le vittime, seppur inizialmente reticenti perché costrette al silenzio, a seguito delle indagini svolte dalla Fiamme Gialle, poste di fronte ai fatti, hanno confessato di essere da decenni vittime degli appartenenti al clan camorristico.

Grazie alla proficua collaborazione dei finanzieri di Marcianise e di Roma, attraverso l”esecuzione di perquisizioni, sequestri, intercettazioni telefoniche ed ambientali, appostamenti e pedinamenti, sono state raccolte plurime risultanze probatorie attestanti i rapporti esistenti tra le vittime ed i loro oppressori.

Sulla base dei dati raccolti, è stato quindi dettagliatamente ricostruito il “giro d’affari” della consorteria criminosa e, attraverso un puntuale esame della documentazione bancaria, sono stati determinati gli interessi usurai applicati, che, in alcuni casi, harmo raggiunto la soglia del 60% -70% mensili.

L’ordinanza di custodia cautelare ricostruisce le vicissitudini di diversi imprenditori operanti in provincia di Caserta entrati da anni nel vortice usurario dell°associazione per delinquere oggetto del prowedimento. In particolare, awalendosi di società di rivendita di auto usate, i sodali obbligavano le loro vittime (altri imprenditori in difficolta economiche operanti nel medesimo settore) ad acquistare autovetture ad un prezzo doppio rispetto a quello di mercato, costringendoli a corrispondere mensilmente delle quote.

Questo allo scopo di dissimulare l’esistenza degli interessi usiiåiri celati dietro le compravendite. ln alcuni casi, quando le vlttlme non riuscivano a corrispondere il denaro rlcnlesto, rivendevano, a prezzi bassissimi, le auto in precedenza acquistateãi medesimi usurai.

Sulla base di quanto sopra, l’Autorità Giudiziaria ha disposto il sequestro preventivo nei confronti degli indagati, di soggetti appartenenti al loro nucleo familiare e di prestanome, di immobili, disponibilità finanziarie, quote societarie e beni mobili per un valore complessivo di oltre 4.000.00 euro.

Ai fini della confisca, sono stati quindi sottoposti a vincolo cautelare 20 appartamenti, 6 terreni e la somma di € 294.000.

LASCIA UN COMMENTO