Usura, GdF sequestra oltre 2 milioni.

0
47

Nella mattinata odierna, il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Caserta ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di beni mobili ed immobili, conti correnti e società, emesso dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura della Repubblica alla sede, nei confronti di un imprenditore napoletano e di alcuni suoi prestanome, per il reato di usura.

Il provvedimento interinale reale ha interessato complessivamente 7 soggetti, 8 unità immobiliari, 2 terreni e 2 rivendite di tabacchi, ubicati nelle province di Napoli, Chieti e Pisa, nonché 41 conti correnti, varie quote di partecipazione societarie e 11 veicoli, tra cui 2 auto di lusso, per un valore complessivo di oltre due milioni di euro.

In particolare, le indagini hanno permesso di individuare un sodalizio criminoso dedito all’usura con a capo un imprenditore, R.R., di anni 61 residente a Napoli, che, con la complicità del figlio, C.R. di anni 44 residente a Napoli, e del nipote, P.R. di anni 36 residente a Pozzuoli, aveva prestato somme di denaro a tassi elevatissimi, a commercianti che si trovavano in grosse difficoltà economiche.

In uno degli episodi contestati, è emerso che gli indagati, a fronte del prestito concesso, si erano fatti consegnare dalla titolare di una rivendita di tabacchi, mensilmente, somme di denaro maggiorate degli interessi del 5%, finché la vittima, non potendo più far fronte ai debiti contratti, era stata costretta a cedere, in cambio dell’esigua somma di € 12.300, l’intera attività commerciale, comprese le concessioni governative di rivendita di tabacchi, accettazione del gioco del lotto e del totocalcio.

Un altro caso, invece, ha riguardato la concessione di un prestito a strozzo di € 80.000 a due coniugi che, avendo subito ingenti danni al mobilificio che gestivano a causa di un’alluvione, non riuscivano più ad onorare le rate del mutuo acceso per comprare la propria abitazione.

Nella circostanza, uno degli usurai si era proposto per l’acquisto della casa ad un valore simbolico di € 38.000, rassicurando la coppia che avrebbe provveduto a pagare le rate di un nuovo mutuo contratto a suo nome. In realtà, alcuni mesi dopo, i coniugi venivano a conoscenza che l’indagato, oltre a cedere l’appartamento a due suoi prestanome, aveva anche incassato il successivo prestito concesso dalla banca a favore di questi ultimi, i quali, non onorando anch’essi il proprio debito, erano stati espropriati dell’immobile che veniva messo all’asta.

Grazie ai complessi ed articolati accertamenti svolti dai finanzieri, estesi anche ai tre nuclei familiari degli usurai, per complessivi dieci soggetti, è stato possibile appurare una palese sproporzione tra il tenore di vita, le disponibilità finanziarie e gli ingenti investimenti patrimoniali effettuati rispetto ai redditi dichiarati dagli indagati, situazione che ha portato all’odierna misura ablativa.

La particolare attività d’indagine testimonia ulteriormente l’impegno profuso dalle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Caserta nel contrasto alla criminalità economica e finanziaria e, in particolare, di quelle forme di illegalità che minano il corretto funzionamento dell’economia legale.

LASCIA UN COMMENTO