Ultimo weekend per le mostre di Daniel Buren e Marco Bagnoli al MADRE.

0
108

Ultimo weekend per visitare le mostre

DANIEL BUREN Comme un jeu d’enfant

MARCO BAGNOLI La Voce. Nel giallo faremo una scala o due al bianco invisibile

fino a lunedì 29 febbraio 2016

Museo MADRE, via Settembrini 79, Napoli

Ultimo weekend per visitare due importanti mostre al museo MADRE di Napoli: Comme un jeu d’enfant. Lavoro in situ, 2014-2015, Madre, Napoli – #1dell’artista francese Daniel Buren (sala Re_PUBBLICA MADRE, piano terra) e Marco Bagnoli, La Voce. Nel giallo faremo una scala o due al bianco invisibile, realizzata nell’ambito di L’Albero della Cuccagna. Nutrimenti dell’arte a cura di Achille Bonito Oliva(entrambe visitabili fino a lunedì 29 febbraio 2016).

Comme un jeu d’enfant di Daniel Buren (sala Re_PUBBLICA MADRE, piano terra) è uno gioco di costruzioni a grandezza reale, un kindergarten (“giardino d’infanzia”) a dimensione ambientale, ottenuto grazie all’assemblaggio di un centinaio di moduli di forme geometriche e colori diversi ispirati ai solidi del pedagogo tedesco Friedrich Wilhelm August Fröbel: una città metafisica che entra nel museo e ne plasma giocosamente l’architettura. Resterà in visione, invece, fino al 4 luglio 2016 l’altro intervento realizzato nel 2015 da Daniel Buren per l’ingresso del MADRE, Axer/Désaxer.

La Voce. Nel giallo faremo una scala o due al bianco invisibile di Marco Bagnoli (per la cui realizzazione si ringrazia: Seda International Packaging Group), presentata nel secondo cortile del museo, reinventa l’architettura museale enfatizzandone il ruolo di creatore di immaginari e universi possibili. Una prima versione dell’opera fu realizzata dall’artista nel 1974-75, nella forma di una scala a pioli incastrata nel muro del suo studio-abitazione milanese, attraversandolo diagonalmente. Nella versione presentata al Madre insieme all’opera Janua Coeli, La Voce cambia nuovamente conformazione, sviluppandosi dall’interno di una sala fino a travalicare il tetto ed espandersi nell’ambiente esterno: la voce emessa dall’ ampolla su cui si regge l’opera ci legge il menù di un pasto napoletano, dilatandosi in un riverbero sonoro che confluisce all’esterno, dove è disposta una terza opera, il Sonovasoro (“sono vaso oro”, o “vaso sonoro”).

Info

Tel. 081.19313016 lunedì-venerdì 9:00-18:00 e sabato 9:00-14:00

info@madrenapoli.it

Lunedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato 10:00 ⋅ 19:30 — Domenica 10:00 ⋅ 20:00

La biglietteria chiude un’ora prima / Martedì chiuso / Lunedì ingresso gratuito

LASCIA UN COMMENTO