La Ricerca e il Mare, Open Day al Centro Tartarughe Marine di Portici della Stazione Zoologica Dohrn.

0
101

In occasione della “Giornata Mondiale Oceani 2018”, la Stazione Zoologica Anton Dohrn, Istituto Nazionale di Biologia Ecologia e Biotecnologie Marine, apre le porte del Centro Di Ricerca Tartarughe Marine-Osservatorio del Golfo di Napoli di Portici per l’evento “La Ricerca e il Mare”, che si terrà venerdì 8 Giugno 2018, dalle ore 10,00 alle 18,00. Un momento di approfondimento e di divulgazione dedicato alla scoperta e alla tutela dell’ambiente marino, dove l’osservazione ecologica del Golfo di Napoli, il mare come risorsa per la cura e il benessere, la biodiversità marina, l’inquinamento da plastiche e microplastiche, il ruolo fondamentale dei microorganismi marini, il restauro ambientale marino e costiero, la protezione e la cura delle tartarughe marine saranno solo  alcuni degli argomenti trattati. Per illustrare al meglio la costante attività di ricerca e offrire una maggiore comprensione delle problematiche esposte, saranno proiettati contributi video realizzati dagli esperti della Stazione Zoologica Anton Dohrn, a dimostrazione e testimonianza delle molteplici operazioni e missioni compiute dall’Ente. Il fitto programma della giornata prevede una fase di approfondimento con i seguenti focus: Il mare Nostrum ed il Golfo di Napoli, a cura di Vincenzo Saggiomo, Ricercatore Associato SZN; L’inquinamento da microplastiche, a cura di Christophe Brunet, Ricercatore SZN; Il restauro ambientale, a cura di Luigi Musco, Ricercatore SZN.
All’evento saranno presenti anche la Città della Scienza, il W.W.F., con la sua campagna per la difesa e la protezione del mare, la Capitaneria di Porto e le Guardie Ambientali d’Italia. Parteciperanno, infine, nell’ambito di un progetto di “Alternanza Scuola-Lavoro”, gli studenti del Liceo Statale Quinto Orazio Flacco e del Liceo Scientifico Statale Filippo Silvestri di Portici. Si ringrazia ufficialmente il Comune di Portici per il sostegno e l’impegno profusi  nelle attività che coinvolgono il Centro di Ricerca delle Tartarughe Marine.

LASCIA UN COMMENTO