Viaggi sostenibili 2024: le 3 mete selezionate dagli esperti

Dopo il successo del 2023 Vittoria Assicurazioni, in occasione del Torneo Italiano di Beach Rugby, torna sulle spiagge d’Italia con il Vittoria for Women Tour con Federazione Italiana Rugby e Specchio dei tempi. In ogni tappa sarà possibile sostenere la lotta contro i tumori femminili con una donazione, fare una visita senologica gratuita e divertirsi al Vittoria Village.

Il turismo sostenibile rappresenta un fenomeno in costante crescita, spinto da una maggiore consapevolezza ambientale e dalla necessità di ridurre l’impatto delle attività umane sul pianeta. Nell’articolo che segue, verranno esplorate le tre mete di viaggio più sostenibili del 2024, selezionate dagli esperti di settore per la loro attenzione all’ecologia, alla conservazione del patrimonio naturale e culturale, e all’adozione di pratiche turistiche responsabili.

L’evoluzione del concetto di sostenibilità nel turismo

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

La sostenibilità, intesa come capacità di soddisfare le esigenze del presente senza compromettere la possibilità delle future generazioni di soddisfare le proprie, ha assunto un ruolo sempre più centrale nel settore turistico. Nel corso degli anni, il concetto di viaggio è mutato notevolmente, passando da una forma di consumo di massa con pesanti ripercussioni sull’ambiente e sulle comunità locali, a un approccio più consapevole e rispettoso.

Un viaggio sostenibile prevede il rispetto di tre pilastri fondamentali: l’ambiente, la società e l’economia, promuovendo pratiche che favoriscano una maggiore comprensione dell’ecosistema circostante e lo sviluppo economico delle comunità ospitanti.

Di seguito si vedranno le prime tre destinazioni, in Europa e oltre, che attualmente si stanno distinguendo per lo sviluppo di un turismo più sostenibile.

  1. Spagna

L’attenzione della Spagna verso la sostenibilità turistica è in costante crescita, dalle politiche volte alla riduzione delle emissioni di CO2, alla promozione delle energie rinnovabili e alla protezione della biodiversità. In particolare, le isole Baleari e le Canarie hanno adottato misure stringenti per preservare i loro fragili ambienti marini e terrestri, incentivando l’uso di mezzi di trasporto elettrici e il turismo fuori stagione per ridurre l’eccessiva pressione sui servizi locali.

L’impegno spagnolo si riflette anche nell’offerta di esperienze turistiche autentiche e sostenibili, come i percorsi naturalistici e le visite ai parchi nazionali, che permettono ai visitatori di scoprire la ricchezza paesaggistica e culturale del paese in modo responsabile.

  1. Ecuador

L’Ecuador, situato sulla linea equatoriale, rappresenta un vero e proprio paradiso per gli amanti della natura e del turismo sostenibile. La sua straordinaria biodiversità, che include le famose barriere coralline delle isole Galapagos, è protetta da rigorose politiche ambientali che limitano l’afflusso turistico e regolamentano le attività consentite.

Il paese è pioniere nel promuovere un turismo che valorizza le comunità locali e sostiene progetti di conservazione ambientale. Tra i servizi offerti ai visitatori, la possibilità di immergersi in un contesto naturale unico al mondo, partecipando a programmi di volontariato ambientale e soggiornando in eco-lodge che rispettano gli standard di sostenibilità più elevati.

  1. Patagonia

La Patagonia, estesa tra Argentina e Cile, è un’area selvaggia e incontaminata che attira viaggiatori desiderosi di avventure sostenibili. Le vaste distese di ghiacciai, foreste e steppe offrono un habitat ideale per una fauna ricca e diversificata, che viene tutelata attraverso i numerosi parchi e riserve naturali.

In Patagonia, il turismo è orientato verso attività a basso impatto ambientale, come il trekking, il birdwatching e il campeggio, promuovendo al contempo lo sviluppo sostenibile delle comunità rurali. Gli operatori locali, inoltre, sono impegnati a ridurre l’impronta ecologica delle loro attività, adottando pratiche eco-compatibili e sensibilizzando i visitatori sull’importanza della conservazione.