Piazza Municipio e Galleria Umberto invase dai rifiuti domenica mattina.

0
1169
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

“A Napoli la Galleria Umberto I e piazza Municipio ridotti a letamaio dopo la serata di follia di ieri. Monumenti ridotti a discarica da incivili senza vergogna”.

E’ la denuncia del consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, che ha ricevuto numerose segnalazioni fotografiche.

“Ancora una volta beni monumentali simbolo della nostra città restano nel più totale degrado al termine di un sabato sera fatto di pericolosi assembramenti e di tanta inciviltà – dice Borrelli – Una serata folle dove tantissimi giovani hanno ridotto a un vero e proprio letamaio la Galleria Umberto I e Piazza Municipio, che oggi si sono presentate come vere e proprie discariche. Rifiuti di cibo take away abbandonati sulle scale, sulle balaustre, sui marmi della Galleria e a ridosso della fontana e delle sedute proprio sotto Palazzo San Giacomo, sede del Comune. Per terra distese di carte, cartacce, tovaglioli, lattine, bottiglie. Ecco cosa rimane della vigilia del lockdown a Napoli. L’ennesimo colpo durissimo all’immagine della città”.

“Bisogna potenziare i controlli sul territorio da parte delle forze dell’ordine per prevenire questi episodi, punendo questi zozzoni – prosegue Borrelli – e occorre potenziare la dotazione in strada di cestini gettacarte e i turni di pulizia nei fine settimana quando le strade del centro della città e della zona collinare rimangono come enormi immondezzai dopo la movida. Necessario il coinvolgimento anche dei commercianti, in particolare quelli che si occupano di asporto, affinché comunichino ai loro clienti la necessità di lasciare le strade pulite. Ognuno deve fare la propria parte per tutelare i nostri tesori monumentali e storici. Diversamente, non ci sarà alcun futuro”. (ANSA).

funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here