Raggiunto, nel Secondo Meeting del Progetto PATH2LC, l’obiettivo comune nel Piano di Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima.

233

Il giorno 11 febbraio 2022 si è tenuto a San Gennaro Vesuviano il Secondo Meeting del Progetto PATH2LC, l’obiettivo comune nel Piano di Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima per implementare il piano congiunto energetico e climatico: il PAESC Vesuviano.

L’UCSA – Ufficio Comune per la Sostenibilità Ambientale, istituito per la pianificazione, gestione e monitoraggio per le aree ambiente, clima ed energia per i Comuni di San Gennaro Vesuviano, Palma Campania, San Giuseppe Vesuviano e Striano, ha avviato nel settembre 2020, insieme ad altri dieci partner europei, il Progetto PATH2LC “Enti pubblici insieme attraverso un approccio di rete olistico sulla strada per comuni a basso tenore di carbonio”, finanziato con il programma europeo di ricerca e innovazione Horizon 2020.

Al progetto partecipano cinque reti di comuni dalla Grecia, Portogallo, Paesi Bassi, Francia e per l’Italia i comuni dell’UCSA. Gli enti locali attueranno la transizione con tabelle di marcia per il raggiungimento degli obiettivi fissati nel PAESC Vesuviano, il Piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima, attraverso uno scambio di conoscenze ed esperienze, un miglioramento del coordinamento tra i diversi organi amministrativi e con strumenti di pianificazione e monitoraggio.

A livello locale, ad inizio 2021, si sono tenuti i primi incontri tra i rappresentati politici e responsabili tecnici dei comuni del PAESC Vesuviano che, con il coordinamento dell’UCSA, si sono confrontati sullo status quo del piano, dunque sulle azioni già attuate dai comuni o azioni in itinere. È stata inoltre presentata l’analisi del PAESC che ha evidenziato le potenzialità del territorio per le fonti energetiche rinnovabili e il livello di ambizione del piano con un confronto sui target nazionali ed europei. Gli enti locali dell’Ufficio Comune, con il loro 61,33% di riduzione di emissioni di CO2 al 2030, sono molto ambiziosi.

I comuni hanno identificato le azioni prioritarie da porre in essere o già in itinere nel primo anno di progetto e lo sviluppo successivo di quanto stabilito per una concreta implementazione delle misure. L’attenzione è posta sull’efficientamento energetico degli edifici pubblici e su una pubblica illuminazione efficiente, produzione da fonti di energia rinnovabile e autoconsumo collettivo e su mobilità sostenibile. Questo approccio della rete di municipalità di apprendimento porterà a una fattiva ed efficace implementazione delle azioni e il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi posti nel PAESC per il 2030.

L’argomento trattato nel recente secondo incontro del giorno 11 febbraio è stato “Come aumentare la conoscenza e sensibilizzare gli stakeholder nella transizione energetica del settore privato”. L’obiettivo di questo incontro, a cui hanno partecipato amministratori e tecnici dei Comuni del PAESC Vesuviano è stato quello di fissare un obiettivo comune da perseguire come gruppo, il cosiddetto Target Setting. Questo obiettivo si configura all’interno dell’attività degli sportelli OSS, One Stop Shop, per l’energia e la mobilità sostenibile e nello specifico sul numero di aziende da coinvolgere su cui eseguire diagnosi energetiche.

All’incontro, tenuto presso la Sala Consiliare del Comune di San Gennaro Vesuviano, sono intervenuti amministratori e tecnici, tra questi il Sindaco del Comune di San Gennaro, Antonio Russo che ha affermato: “Per i valori di emissione in atmosfera di CO2, nei comuni di UCSA, siamo ambiziosi, perché vogliamo andare al di sotto alla soglia stabilita dall’UE, vogliamo andare verso un sempre migliore efficientamento energetico e verso fonti rinnovabili, che risultano anche, dal punto di vista economico, vantaggiosi per la nostra comunità”.

Il Vicesindaco di Striano, Antonio Cordella ha sottolineato l’importanza del Progetto PATH nel confrontarsi con le altre realtà europee che partecipano e condividono le esperienze con gli enti locali italiani di UCSA. “Per la transizione energetica – afferma il vicesindaco con delega all’Ambiente – ci siamo confrontati e abbiamo fissato degli obiettivi a lungo termine, entro il 2030. Ma per raggiungere questi obiettivi oggi siamo qui per confrontarci su quelli che possono essere gli obiettivi a breve termine. C’è tutto l’impegno possibile per efficientare gli edifici pubblici, quindi la Casa Comunale, le scuole e le altre strutture pubbliche nei nostri comuni. Oggi – conclude Cordella – vogliamo trovare un modo per far sì che anche i privati e soprattutto le aziende possano essere informati e sensibilizzati attraverso gli sportelli energetici (One Stop Shop) che l’UCSA ha realizzato nei suoi comuni affinché queste realtà che consumano molta energia, possano ridurre le emissioni”.

Gli fa eco l’Assessore del Comune di Palma Campania, Elvira Franzese: “I cittadini e le aziende, in modo particolare, possono ricevere supporto per fare un’analisi energetica in modo gratuito presso il nostro sportello OSS che al Comune di Palma Campania riceve una volta la settimana. Sportelli disponibili anche negli altri comuni dell’UCSA, pertanto, rivolgendosi agli esperti dell’ufficio energetico comunale, tutti possono trarre beneficio con un valido supporto messo a disposizione delle utenze private e commerciali, ricevere consigli e progettazioni gratuite e godere quindi di un vantaggio economico in termini di risparmio energetico”.

Advertisements