Terra dei fuochi, da inizio anno 1217 sversamenti.

0
100
La polizia sta sequestrando a Giugliano tre vaste aree dove per mesi sono stati sversati illegalmente rifiuti. Immondizia che, in diverse occasioni, è stata anche incendiata, con lo sprigionamento di fumi nocivi dannosi per la salute. L'operazione è condotta dagli agenti del locale commissariato, coordinati dal primo dirigente Pasquale Trocino. La prima area è in via Santa Caterina da Siena, a ridosso del centro abitato. La seconda è lungo la strada che da Giugliano conduce a Parete: anche questa è localizzata in prossimità di alcune abitazioni; la terza, infine, è lungo la Domiziana. Gli agenti del locale commissariato, che stanno agendo in collaborazione con i militari dell'Esercito, impegnati nei controlli delle aree della Terra dei Fuochi, hanno interdetto le aree finite sotto sequestro anche per consentire la classificazione dei diversi tipi di rifiuti che sono stati rinvenuti. Oggi 3 Marzo 2015. ANSA/CESARE ABBATE
Babazar.it le grandi marche abbigliamento donna con il 60% di sconto

Sono 1217 gli sversamenti illeciti nel territorio cosiddetto della “Terra dei Fuochi” segnalati dal 1 gennaio 2019 ad oggi alla piattaforma i.TER, realizzata dalla Regione Campania per il monitoraggio dei progetti di infrastrutture.

Dai controlli effettuati attraverso SMA Campania, società in house della Regione è emerso che in 260 siti su 2017, i depositi di rifiuti erano costituiti da materiale infiammabile e avrebbero potuto determinare altrettanti inneschi di roghi.

I dati sono stati diffusi stamattina nel corso di un sopralluogo al Presidio operativo di Marcianise – uno dei quattro istituiti dalla Regione Campania – del sottosegretario all’Ambiente Salvatore Micillo, del coordinatore del “Piano d’azione per il contrasto dei roghi dei rifiuti”, Fabrizio Curcio, del viceprefetto Gerlando Iorio, incaricato per il contrasto al fenomeno dei roghi in Campania e del viceprefetto di Caserta Stella Fracassi.

Presenti anche il direttore generale della Protezione civile della Regione Campania, Italo Giulivo ed il sindaco di Marcianise, Antonello Velardi.

L’ attività di monitoraggio in tempo reale ha consentito agli amministratori comunali di intervenire fattivamente sul campo. 208 siti sono stati ripuliti dai Sindaci dei Comuni situati tra Napoli e Caserta.

“L’ azione di prevenzione – afferma la Regione Campania – è stata ulteriormente potenziata grazie al recente stanziamento da parte della Regione di 8 milioni 850 mila euro e vede una sinergia sempre più stretta tra centrali di controllo e Vigili del Fuoco. Dal primo agosto 5 squadre di SMA Campania stanno vigilando il territorio h 24 garantendo anche un pronto intervento rispetto alle segnalazioni da parte dei cittadini, in aggiunta a quelle già operative dei Vigili del Fuoco”. (ANSA).

LASCIA UN COMMENTO