Volontari al lavoro, pulizia dell’Eremo dei Camaldoli e dei giardini di via San Rocco a Marano.

0
575

Sabato mattina dedicato all’iniziativa green. I volontari de La Via della Felicità di Napoli si sono recati all’Eremo dei Camaldoli e ai giardini di Via San Rocco a Marano di Napoli per una raccolta dei rifiuti abbandonati.

Ai giardini di San Rocco, frequentati da bambini e famiglie, i volontari hanno trovato moltissime cartacce, plastica, mozziconi e molto altro. Inoltre i volontari hanno lasciato dei posaceneri per evitare che i mozziconi vengano buttati a terra. Molti i cittadini che si sono fermati per ringraziare e complimentarsi per l’ottimo lavoro dei volontari.

All’Eremo invece, i volontari già qualche settimana fa, hanno installato dei cestini creati con materiali riciclati, grazie al supporto dell’associazione Miniera Quartieri Spagnoli di Napoli. Nonostante questo, i volontari, tornando nella stessa zona, hanno trovato questa mattina i rifiuti sparsi per terra e i cestini vuoti.

 

Questo ci fa capire che il problema è legato ad una mancanza di educazione e rispetto per l’ambiente, che La Via della Felicità di Napoli sta cercando di implementare, organizzando degli interventi nelle scuole per affrontare il rispetto per l’ecosistema con i giovani studenti napoletani.

 

Pascal Lemos, responsabile dell’iniziativa, vuole ricordare le parole dell’autore della guida al buon senso La Via della Felicità, L. Ron Hubbard che scrisse: “L’idea che ognuno di noi possieda una parte del pianeta e che possa e debba aiutare a prendersene cura, può sembrare esagerata e, a qualcuno, piuttosto irreale. Ma al giorno d’oggi ciò che accade dall’altra parte del pianeta, anche se lontana, può influenzare ciò che accade a casa tua”.

 

Spinti anche da questo suggerimento, i volontari continueranno le iniziative anche nelle prossime settimane.

 

Per partecipare i per ricevere maggiori informazioni scrivere a laviadellafelicitacampania@gmail.com o chiamare il numero 393.287.9569 (Pascal) .

Advertisements

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here