Premio Resilienza Qualità della Vita Napoli allo street artist Pier Macchiè

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Se decidi che la tua vita è la strada e il tuo palcoscenico è quello delle vie del centro di Napoli, allora probabilmente il tuo nome è Pier Macchiè. Artista di strada con il suo bagaglio artistico altamente professionale sfreccia per le strade di Napoli con i suoi atteggiamenti solo apparentemente strampalati, un po’ cantastorie, un po’ musicista, con il suo manviolino, cioè un violino che si suona anche come una chitarra, con arco e plettro. La personalità di Pier Macché è variegata.

È una presenza divertente, ma anche in grado di eseguire brani come “Luci della ribalta”, o pezzi classici, che tira fuori dal suo cilindro e dalla sua formazione musicale. A lui sarà assegnato questo anno il “Premio Resilienza Napoli” dell’Accademia Qualità della Vita un’iniziativa che si prefigge di individuare e valorizzare esperienze virtuose di cittadini che con il loro operato contribuiscono con comportamenti resilienti al miglioramento della qualità della vita a Napoli.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

“Quest’anno – spiega il presidente dell’Accademia, Domenico Esposito – la lista dei candidati era folta, come è giusto che sia in una città dove la capacità di resilienza è molto alta. Con questo premio, l’Accademia si prefigge di mettere al centro l’uomo con la sua umanità a vantaggio del bene comune. La scelta è ricaduta su Pier Macchié, perché oggi abbiamo assoluto bisogno di persone che valorizzino valori, principi etici e cultura. Pier Macchiè ci racconta la società dei nostri giorni da una prospettiva insolita e originale, esprimendosi con coraggio e umiltà; all’inizio del suo percorso deriso e visto quasi con diffidenza, oggi è diventato una maschera familiare dal volto umano”.

Tra i premiati degli anni scorsi il ballerino Antonio Bollito e il pittore Amedeo Aprea per la loro eccellente capacità di creare relazioni positive attraverso l’arte, poi ancora l’avvocato Fabio Procaccini e l’artista Ruben D’Agostino, insomma tutti premiati per il loro costante impegno civico, che contribuiscono ad innalzare il livello di “qualità della vita” a Napoli. L’Accademia Qualità della Vita nasce con lo scopo di valorizzare il territorio della zona di Santa Croce a Chiaiano, ma da là la propria attività si è espansa su tutta la città di Napoli.