Agricoltura, è allarme siccità.

167
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin

E’ allarme siccità in Campania dove si registra un generalizzato calo delle disponibilità idriche a causa di un inverno caratterizzato finora da elevate temperature e da scarse precipitazioni indispensabili a rimpinguare i bacini per rispondere alle esigenze soprattutto del periodo estivo.

“E’ in congiunture come questa che emerge la fondamentale funzione degli invasi capaci di creare riserva idrica – afferma Vito Busillo, vicepresidente nazionale di Anbi, l’associazione nazionale delle bonifiche, e presidente del Consorzio di Bonifica Destra Sele – abbiamo candidato al Pnrr il Piano Invasi per aumentare la capacità di utilizzo delle vasche di accumulo e portarlo a un milione di metri cubi di acqua piovana da utilizzare nei periodi di maggiore siccità.

A questa situazione di emergenza, che purtroppo riscontriamo in tutta Italia, si risponde con un’oculata gestione irrigua. Per questo è necessario aumentare la percentuale di pioggia trattenuta al suolo, grazie anche alla realizzazione di nuovi bacini medio-piccoli ad uso multifunzionale ben indicati nel nostro piano per l’efficientamento della rete idraulica che abbiamo candidato al Pnrr”.

“L’acqua – conclude Busillo – è una risorsa strategica vitale, la tutela e la corretta gestione del sistema idrico è parte importante del Pnrr, ed è centrale nel quadro della transizione ecologica. I Consorzi di Bonifica in questo hanno da sempre un ruolo strategico ma sono necessarie ulteriori risorse per rafforzare, migliorare, modernizzare le infrastrutture”.
(ANSA).

Advertisements