Advertisements
Pubblicitàrealizza un sito ecommerce di successo, aumenta il tuo fatturato in sole 72 ore
Home Economia Camera di Commercio, si dimettono 7 consiglieri. Schiavo (Confesercenti): gestione fallimentare.

Camera di Commercio, si dimettono 7 consiglieri. Schiavo (Confesercenti): gestione fallimentare.

155
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin

Sette membri del Consiglio camerale della Camera di Commercio di Napoli hanno rassegnato le dimissioni. I consiglieri dimissionari sono Achille Capone, Paola Ciaramella, Alessandra Di Martino, Vincenzo Gargiulo, Ciro Russo, Pasquale Russo e Diego Vivarelli von Lobstein, rappresentanti delle associazioni Ance Napoli, Claai Napoli, Cna Napoli, Confcommercio Campania, Confesercenti Napoli e Unione Industriali Napoli.

Le dimissioni arrivano al termine del Consiglio camerale convocato per oggi, su richiesta dei consiglieri dimissionari, «durante il quale – spiegano in una nota – il presidente Fiola avrebbe dovuto fornire chiarimenti sulla riscossione dei diritti camerali, la gestione dei fondi per l’innovazione e l’internazionalizzazione e precisazioni sulle criticità emerse negli ultimi bilanci relativamente ai rapporti tra la Cciaa e l’azienda speciale Si Impresa. Vista l’impossibilità di contribuire alle iniziative dell’ente, all’assoluta mancanza di dialogo in seno al Consiglio camerale e la mancanza di concertazione relativamente alle linee programmatiche della Camera di Commercio», i 7 consiglieri hanno deciso di rassegnare le loro dimissioni.

Il direttore della Confcommercio Campania, Pasquale Russo, sottolinea che «negli ultimi anni la Presidenza Fiola ha depauperato il patrimonio della Camera di Commercio per realizzare iniziative che non hanno generato ricadute positive per lo sviluppo del territorio. A questo punto – conclude Russo – non possiamo continuare ad assistere ad una gestione connotata da sprechi e mancanza di visione per la crescita delle imprese».

Ciaramella, consigliera dimissionaria espressione di Confesercenti, aggiunge: «Ho ripetutamente provato a stimolare la presidenza sui temi dell’innovazione e la digitalizzazione dei processi, ma non ho mai ricevuto attenzione dalla maggioranza. Abbiamo provato a discutere di cose concrete ma si è preferito usare i fondi della Camera per iniziative prive di respiro».

Secondo Vincenzo Gargiulo, direttore della Cna Napoli, «l’attuale governance non ha realizzato iniziative in grado di difendere il grande patrimonio di conoscenza delle piccole e medie imprese napoletane. Le nostre aziende hanno bisogno di supporto e non di premiazioni e di una conduzione paternalistica dell’Ente camerale».

Giulio Cacciapuoti, presidente di Cdo Campania, e Raffaele Marrone, presidente di Confapi Napoli, esprimono il loro «sostegno all’iniziativa dei consiglieri dimissionari» ed auspicano che la «Camera di Commercio torni ad essere governata in modo plurale, con la guida maestra della crescita e dello sviluppo delle imprese napoletane».

Vincenzo Schiavo, presidente di Confesercenti Campania e vicepresidente nazionale con delega al Mezzogiorno ha infatti sottolineato: «Ci rifiutiamo di accompagnare ancora un fallimento che fino ad oggi non ha mai sostenuto i bisogni delle imprese. Confesercenti ha deciso per questo di richiamare i propri rappresentanti presenti in consiglio, non condividendo la guida e la gestione della Camera di Commercio che ha dimostrato in tutti i suoi componenti e in ogni momento di fallire ogni attività, dal momento che non ce n’è stata una a supporto delle imprese. Pensiamo che la gestione attuale della Camera di Commercio sia giunta al termine e il suo mandato esaurito. Secondo noi è necessario dare delle risposte più concrete ed efficaci alle imprese, fin qui non sostenute da soluzioni adeguate alle loro problematiche».

Advertisements
Parla con noi
WhatsApp GazzettadiNapoli.it
Ciao, ti scrivo dalla chat di GazzettadiNapoli.it