Coca-Cola Hbc Italia, investiti oltre 40 milioni in 10 anni per sostenibilità ed inclusività stabilimento Marcianise

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Fare impresa in modo sostenibile è un’opportunità per stimolare l’innovazione, motore di crescita economica e sociale, è quanto emerge dal 19° Rapporto di Sostenibilità di Coca-Cola HBC Italia dal titolo “La Scelta di Guardare Lontano”, revisionato da Deloitte & Touche, redatto secondo i parametri di rendicontazione internazionale GRI Standards in accordance e pubblicato oggi. Una visione sul futuro che trova concretezza negli importanti investimenti realizzati negli ultimi 10 anni da Coca-Cola HBC Italia, il principale imbottigliatore di prodotti a marchio The Coca-Cola Company sul territorio nazionale, che ha investito nella fabbrica di Marcianise (CE) – la più grande di Coca-Cola del Sud Italia – oltre 40 milioni di euro in iniziative volte a promuovere l’innovazione industriale del sito.

 

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

In Campania, a Marcianise  le innovazioni per il 2022 si sono concentrate in un crescente impegno in circolarità, dall’adozione dei Tethered Caps – tappi uniti alla bottiglia  per tutti i marchi del portafoglio per semplificare la raccolta e il riciclo e ridurre la dispersione e l’impatto della plastica sull’ambiente – al contributo della fabbrica alla produzione delle bottiglie in 100% plastica riciclata (rPET), che dal 2023 riguarda tutte le referenze in PET del portafoglio delle bibite Coca-Cola. A ciò si aggiunge KeelClip™, un sistema in carta 100% riciclabile che consente di fare a meno dell’involucro in plastica per confezioni multiple di lattine.

La ricetta sostenibile di Coca-Cola HBC Italia guarda all’intera filiera, come testimoniato dalla strategia di Gruppo NetZeroby40, per raggiungere zero emissioni nette lungo l’intera catena del valore entro il 2040. A Marcianise il 100% dell’energia elettrica acquistata dalla rete proviene da fonti rinnovabili ed è certificata dalla Garanzia di Origine (GO), che ne attesta la produzione da impianti qualificati. Inoltre, la fabbrica può contare su un impianto di trigenerazione in grado di produrre allo stesso tempo energia elettrica ed energia termica calda e fredda e su nuovi compressori ad alta efficienza per il soffiaggio delle bottiglie, che garantiscono anche la riduzione delle emissioni di CO2.

 

“Il nostro percorso verso un’economia sempre più circolare e il sostegno alle comunità locali, rendicontati nel 19° Rapporto di Sostenibilità dell’azienda, è frutto anche della dedizione di tutti i colleghi di Marcianise e del forte legame costruito negli anni con il territorio” ha dichiarato Monica Rispoli, Direttrice dello Stabilimento di Coca-Cola HBC Italia di Marcianise. “Lo stabilimento campano, che rappresenta il cuore pulsante delle nostre attività produttive nel Sud Italia, è stato al centro delle principali innovazioni di eco-design del packaging, come la conversione dell’intero portafoglio bibite alla plastica riciclata (rPET), confermandosi esempio di eccellenza industriale, anche in termini di sostenibilità ambientale”.

 

Il Rapporto di Sostenibilità racconta anche gli altri ingredienti della ricetta di Coca-Cola HBC Italia in Campania che comprendono anche l’attenzione alla comunità locale attraverso il supporto a diverse iniziative, tra cui la palestra “Star Judo Club” di Scampia, fondata da Gianni Maddaloni, presidio fondamentale per il recupero dei giovani in difficoltà.

 

L’edizione 2022 del Report si arricchisce anche di un primo progetto dedicato alla tutela della biodiversità italiana, che vede le api protagoniste. Quelle stesse api che proteggono l’ecosistema, difendono il benessere del territorio, e consentono la riproduzione degli organismi vegetali, come ad esempio lo zucchero e gli agrumi necessari per molte delle bevande Coca-Cola. L’azienda ha adottato un alveare per ciascuna delle regioni in cui sono presenti i suoi stabilimenti produttivi e la sede centrale, compresa la Campania, per proteggere 1,8 milioni di api, che impollineranno altrettanti fiori.

 

Il report integrale è disponibile solo in formato digitale su www.lanostraricetta.it