Coronavirus, la testimonianza di una piccola imprenditrice.

0
7143
funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

Momenti di tensione, paura che cresce ogni giorno e incognita sul futuro. Uno sfogo, una lettera aperta, un sostegno da parte di una professionista che da diversi anni lavora costantemente al fianco dei suoi preziosi dipendenti e verso i quali prova affetto, stima e considerazione. E’ proprio dallo sconforto e dalla desolazione che bisogna trarre l’energia e porsi degli obiettivi.

 

In breve una descrizione di Service Kreativ e il suo ruolo

Raccolgo con immenso piacere questa breve intervista e ringrazio la redazione per l’ospitalità. Sono Emma Malinconico, architetto e direttore commerciale di una società di servizi promo-pubblicitaria sita in Campania, la Service Kreativ. Agenzia questa specializzata nel settore Food,  che opera nelle varie catene alimentari (gd- gdo- normal trade, ecc), e che offre servizi alle imprese su tutto il territorio nazionale. Il core-business della società, è di promuovere i prodotti alimentari attraverso l’opera di donne speciali: le promoter. Una figura lavorativa del nostro settore, direi fondamentale e imprescindibile. Con il proprio sorriso, presentano, promuovono e fanno degustare i prodotti di eccellenze italiane ai clienti-consumatori di ogni singolo punto vendita d’Italia. Sono il mio punto di forza ed io rappresento per loro la solidità, la concretezza, il loro riferimento.

Oggi in piena emergenza Coronavirus, la sua agenzia si ferma e rispetta l’hashtag #Iorestoacasa. Che messaggio vuole trasferire ai suoi collaboratori?

 

Sospendere le attività mio malgrado, mi ha procurato e mi provoca grande dolore. Una scelta difficile, sofferta, un dramma non solo per noi, ma per tutti i dipendenti e collaboratori ai quali va tutta la mia solidarietà, il mio sostegno, ma la sensazione di impotenza è disarmante. Il non poter garantire loro certezze, in questo momento mi demotiva, a fronte anche e soprattutto del rapporto di empatia e condivisione che ci unisce, costruito e consolidato negli anni. In particolare la mia attenzione è rivolta alle promoter. Ognuna col proprio fare affabile e cortese, ha una storia speciale e talvolta profondamente drammatica. E proprio a loro, da donna lavoratrice e madre che vorrei far arrivare il mio urlo di speranza, il mio incoraggiamento a non mollare e cedere a questo nemico spietato e invisibile che ci ha ‘fermato’ e costretto tutti ad  interrompere momentaneamente ogni attività, privandoci pure del calore di un abbraccio. Uniti possiamo farcela! Massacriamo ‘sto Coronavirus! Restiamo a casa e solo così possiamo riprendere a ‘vivere’ la nostra vita!

 

Cosa chiederebbe alla Regione, al Governo se potesse rivolgere loro il suo appello?

 

Stiamo rispettando scrupolosamente il decreto ministeriale per salvaguardare la nostra salute e quella dei nostri cari. I contraccolpi sul reddito familiare però  stanno lacerando le tasche di noi tutti. Tempi bui, tutto è fermo e cominciamo a fare i conti con le spese quotidiane, la gestione della normalità in famiglia. Un appello ai vertici lo vorrei rivolgere affinché non si dimentichino di chi, ha una sola fonte di approvvigionamento e sussistenza.

Ci tenevo a raccontare quello che sta accadendo. Con l’auspicio che la Regione o chi di dovere, intervenga al più presto in sostegno delle realtà economiche come le nostre che già stavano pagando un prezzo altissimo prima del Coronavirus. Il mio personale hashtag è  #Nonlasciatecisoli.

 

Bisogna essere propositivi ed investire nella progettualità. Quali sono le novità che ci può anticipare?

Da anni lavoro in questo settore promo-pubblicitario,  dove grazie alla mia esperienza di architetto, mi piace molto ‘progettare’ eventi, non solo per i centri commerciali, ma anche in altri settori, avvalendomi di diverse figure professionali, per soddisfare al meglio le richieste dei miei clienti. Sicuramente, appena ritorneremo, riprenderemo tanti altri progetti rimasti in sospeso tra cui: fiere gastronomiche, showcooking, viaggi d’struzione con le scuole a bordo delle navi Msc, un nuovo modo di viaggiare con tutti i confort e sicurezza per i nostri ragazzi, e ancora progetti culturali per veicolare la lettura nelle scuole di ogni ordine e grado, casting per selezionare artisti e musicisti per il nuovo talent Iband in onda su La5 Mediaset, e naturalmente riprendere tutte le attività promozionali su scala nazionale e ritrovare così i sorrisi delle nostre splendide promoter. Un auspicio per noi tutti è proprio l’arcobaleno realizzato dai bambini con la scritta  ‘andrà tutto bene’, simbolo di speranza e di un’Italia che non si arrende.

 

Sabrina Ciani

Babazar.it le grandi marche abbigliamento donna con il 60% di sconto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here